Stipula assicurazione on line, ma è una truffa

Una 55enne di Caserta è stata denunciata con l'accusa di aver raggirato una 44enne di Vezzano

VEZZANO (Reggio Emilia) – Stipula assicurazione on line, ma è una truffa: 55enne di Caserta denunciata dai carabinieri. Le stava scadendo l’assicurazione dell’auto e così una 44enne di Vezzano ha deciso di cercare su internet una polizza on-line. La navigazione l’ha portata ad accedere ad un sito che le ha fornito un preventivo vantaggioso e quindi ha deciso di stipulare una polizza effettuando il pagamento sulla postepay fornitale dall’assicuratrice ricevendo sull’applicativo WhatsApp la relativa documentazione attestante l’apparente regolare copertura assicurativa.

A meno di un mese dalla stipula della polizza è stata fermata durante un controllo stradale da una pattuglia della polizia municipale che, durante i controlli, ha accertato che l’auto era sprovvista di copertura assicurativa e che la documentazione esibita dalla 44enne era irregolare. Ulteriori verifiche, oltre a darle conferma che la targa del suo veicolo non era assicurata, le hanno consentito di apprendere che la documentazione che le era stata trasmessa dalla pseudo agente era relativa a una compagnia non iscritta al relativo albo.

Quando ha capito di essere stata truffata la donna prima si è rivolta ad un’altra compagnia effettuando la polizza e regolarizzando l’assicurazione sul suo veicolo e poi ha sporto denuncia ai carabinieri di Vezzano che, al termine delle indagini, hanno denunciato per truffa una 55enne di Caserta.

Un fenomeno quello delle vendite di polizze assicurative “fantasma” on line in continua crescita, per questo i carabinieri reggiani sensibilizzano i cittadini a fare attenzione alle offerte online ritenute vantaggiose. Difendersi da tali tipologie di truffe è possibile grazie all’Ivass (istituto di vigilanza sulle assicurazioni) sul cui sito internet ciascun cittadino può verificare se la compagnia assicurativa e l’intermediario che si contatta, esista davvero.