Manager reggiana muore di malattia a soli 52 anni

Barbara Montanari, una carriera alla Nike, lascia il marito Luigi e i figli Emanuele, Leonardo e Federico

REGGIO EMILIA – Manager reggiana muore a soli 52 anni dopo aver combattuto, per oltre tre anni, con una terribile malattia. Barbara Montanari ha vissuto una vita piena di soddisfazioni professionali e personali. Negli ultimi 28 anni ha lavorato alla Nike, dapprima nella sede reggiana di Nike Italy, poi a Bologna e, negli ultimi anni, nella sede europea della multinazionale, in Olanda, consolidando capacità manageriali che le hanno permesso di intraprendere una carriera professionale di responsabilità  e di successo, sempre e comunque insieme alla sua bellissima famiglia: il marito Luigi e i figli Emanuele, Leonardo e Federico.

Scrive Auser: “Di Barbara vogliamo sottolineare  l’energia, la vitalità e la gioia di vivere che ha sempre espresso in tutte le sfere della sua vita e, oltre alla dedizione e all’impegno sul lavoro, Barbara si è impegnata da sempre in molte battaglie sociali per il rispetto della donna e della libertà delle persone. Ha  poi  mantenuto nel tempo, nonostante la distanza,  un profondo legame con la sua città, esprimendo la propria “reggianità” – della quale andava molto orgogliosa, anche fuori dai confini – ogni volta che le era possibile”.

La ricordano con immenso affetto la mamma Maria, il papà Ermanno, la sorella Simona con Andrea e tutte le amiche e gli amici a cui Barbara ha regalato un sorriso. In ricordo di Barbara è stata attivata una raccolta fondi per sostenere le donne che provano a ricostruirsi una vita libera dalle violenze, grazie all’associazione “Non da sola” che favorisce percorsi di formazione professionale, prerequisiti importanti per l’autonomia materiale delle donne vittime di violenza.

Qui di seguito le coordinate bancarie:
ASSOCIAZIONE NON DA SOLA
Progetto Lunenomadi – Barbara Montanari
EMILBANCA – CREDITO COOPERATIVO
IBAN: IT 63 Q 07072 12805 000000157683