Le rubriche di Reggiosera.it - Interventi

Caro bollette, il Sunia: “Servono misure urgenti per casa e consumi”

Veneroni: "La pandemia prima ed il caro bollette poi finiranno per mettere al tappeto la maggior parte delle famiglie reggiane"

REGGIO EMILIA – La pandemia prima ed il caro bollette poi finiranno per mettere al tappeto la maggior parte delle famiglie reggiane. Gli aumenti nell’ordine del 40% per l’energia elettrica, 10-15% per il gas e del 25% per il gasolio obbligheranno le famiglie a spendere mediamente 400 euro mensili per le utenze. Gli stessi aumenti finiranno per pesare anche sulle rate condominiali, minando la sostenibilità dei bilanci familiari di tutti, tanto più delle famiglie che vivono in affitto.

Già nel 2020 (ultimo anno disponibile) i provvedimenti di sfratto per morosità emessi
nella nostra provincia, secondo il Ministero dell’Interno, sono stati 431. Quella di Reggio Emilia è stata l’unica provincia dell’Emilia Romagna a registrare un aumento
rispetto all’anno precedente. Chiaramente temiamo che la situazione non potrà far altro che aggravarsi registrando un ulteriore aumento degli sfratti che finiranno per ricomprendere anche quei nuclei familiari che, pur con enormi sacrifici, sono riusciti anche nelle ultime complicate annate a mantenersi a galla.

Importanti sono stati gli accordi firmati dalle associazioni dei consumatori per consentire la rateizzazione delle bollette e per evitare i distacchi delle utenze, una misura che aiuterà in particolare i redditi medi, ma che si rivelerà inefficace per pensionati e lavoratori il cui reddito si aggira intorno alla soglia di povertà. Servono misure urgenti per casa e consumi, che, superando la logica dei bonus, intervengano progressivamente in ragione dei redditi delle famiglie. Occorre rilanciare e far conoscere strumenti che già esistono ma che sono poco utilizzati, spesso perché poco conosciuti, come i fondi per la morosità incolpevole ed i bandi per la rinegoziazione degli affitti. Serve che la casa, ancora un miraggio per troppi, torni ad essere un diritto per tutti.

Carlo Veneroni, Segretario provinciale SUNIA Reggio Emilia