Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Udine, studente di 18 anni muore nell’ultimo giorno di stage scuola-lavoro

L'incidente è avvenuto in un'azienda di Lauzacco: il ragazzo è morto dopo che una putrella gli è caduta addosso

ROMA – Uno studente di 18 anni è morto oggi pomeriggio in un incidente avvenuto in un’azienda di Lauzacco (Udine). Stando a quanto emerge, il ragazzo era all’ultimo giorno dello stage dell’alternanza scuola-lavoro ed è rimasto ucciso dalla caduta di una putrella. “Un fatto di una gravità inaudita, indegno per un paese civile, la morte sul lavoro di uno studente di appena 18 anni. Lo stage in un’azienda dovrebbe garantire il futuro ad un giovane, non condurlo alla morte. Non ci sono parole per commentare questa tragedia orribile”. Così su Twitter il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra.

LE REAZIONI DELLA POLITICA

La presidente dei deputati del Pd alla Camera, Debora Serracchiani, dichiara: “È un dolore senza fine questa sequela di vittime innocenti che perdono la vita mentre si guadagnano il pane, lavoratori anziani su impalcature, giovani che si affacciano ai cantieri, madri e padri di famiglia uccisi dai macchinari. Non si può pagare un simile prezzo per costruire la ripresa del Paese. Abbiamo sentito con chiarezza l’appello dei sindacati, le risposte del Governo, la posizione delle imprese: adesso però basta, le cose devono cambiare”.

Secondo il presidente di Italia Viva, Ettore Rosato, “ogni morte sul lavoro è una sconfitta per lo Stato. E quando a perdere la vita è un ragazzo appena 18enne, alla sua prima esperienza con il mondo del lavoro, è ancora più inaccettabile. Non possiamo rimanere a guardare: serve una risposta delle Istituzioni. Assieme a imprese, enti locali, istituti scolastici dobbiamo trovare strumenti nuovi perché incidenti come quello di oggi in provincia di Udine non possano accadere. Ci uniamo al cordoglio della famiglia e dei suoi compagni di scuola (Fonte Dire).