Tragedia a Fabbrico, due fratellini di 7 e 8 anni muoiono in un incendio

Le fiamme si sono sviluppate in seguito a un'esplosione in una abitazione in via Matteotti. Si sono salvati i genitori e gli altri due figli che, in quel momento, non erano in casa

FABBRICO (Reggio Emilia) – Due bambini pakistani, fratello e sorella, di 7 e 8 anni, sono morti in un incendio che si è sviluppato in seguito a un’esplosione in una abitazione in via Matteotti a Fabbrico. Il boato si è verificato intorno alle 21.30 di ieri sera. Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Fabbrico e i colleghi del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Guastalla insieme ai Vigili del Fuoco ed ai sanitari inviati dal 118.

I pompieri hanno domato l’incendio e hanno appurato che l’esplosione era riconducibile al malfunzionamento di un termoconvettore a gas che ha saturato gli ambienti. In seguito a questo si è verificata un’esplosione con le fiamme che si sono poi estese ai locali dell’abitazione e hanno provocato la morte dei due fratellini, Talha Muhammad Arshad un bambino di 7 anni e Arshad Aysh, una bambina di 8 anni, che erano al primo piano, mentre la madre, Nargis Parteen, subito dopo la deflagrazione, presente nel cortile esterno, è riuscita a salvarsi e a chiamare i soccorsi. L’incendio, domato da quattro unità dei vigili del fuoco di Guastalla e Reggio Emilia, ha danneggiato l’intera struttura che è stata dichiarata inagibile.

I corpi dei due bambini sono ora a disposizione della procura. I genitori, il padre si chiama Mohamed Arshad ed altri due figli minori, che al momento dell’incendio non erano presenti, hanno temporaneamente trovato ospitalità presso connazionali. Sull’episodio sono in corso le indagini a cura dei carabinieri di Fabbrico e Guastalla coordinati dalla Procura reggiana.