Quantcast

Reggio Emilia ricorda Kobe Bryant a due anni dalla morte

Fiori e monumenti illuminati giallo e viola in memoria del campione

REGGIO EMILIA – Reggio Emilia non dimentica Kobe e Gianna Bryant, il grande campione di basket della Nba e la sua giovanissima figlia, anch’essa cestista, scomparsi il 26 gennaio di due anni fa in un incidente in elicottero negli Stati Uniti.

Per il forte legame che univa Bryant a Reggio Emilia, dove trascorse alcuni anni della sua infanzia giocando nelle Giovanili della Pallacanestro Reggiana (nelle stagioni 1989-90 e 1990-91) quando il padre Joe era giocatore professionista nella prima squadra, il Comune della città emiliana gli ha dedicato l’anno scorso, primo nel mondo, lo spazio antistante il Palasport cittadino, riqualificato e trasformato in piazza. Quest’anno, il sindaco Luca Vecchi, a nome della città, ha posto sulla targa installata nella piazza un mazzo di Fiori gialli e viola, i colori del Los Angeles Lakers, dove Kobe militò per 20 anni.

Ieri sera, inoltre, la fontana del teatro Municipale Valli e i Ponti di Santiago Calatrava, a Reggio Emilia, erano illuminati degli stessi colori. In Largo Kobe e Gianna Bryant è visitabile la mostra fotografica en plein air “Reggiano Forever”, con maxi immagini dedicate a momenti di sport e vita di Kobe Bryant a Reggio Emilia, realizzata dalla Fondazione per lo sport del Comune in collaborazione con “Sdt-Scuola di Tifo”, nell’ambito del progetto “Sport For Change” dalla Regione Emilia-Romagna. La mostra è dotata di Qr Code da cui si possono anche ascoltare narrazioni della vita del campione curate da Raffaele Ferraro, fondatore della celebre pagina Facebook dedicata al mondo del basket, “La Giornata Tipo”. La mostra è stata visitata ieri mattina da una scolaresca della città.