Quantcast

Municipale, il bilancio: nel 2021 ben 76 “pirati” fuggiti dopo incidente

Un dato doppio rispetto al 2020. Aumento anche delle sanzioni stradali per guida sotto l'effetto di droga o alcol

REGGIO EMILIA – Nel 2021 sono raddoppiati i “pirati” della strada in circolazione nel territorio del Comune di Reggio Emilia. Emerge dal corposo bilancio della Polizia locale sull’attività svolta l’anno scorso, presentato oggi in municipio in occasione della festa del patrono del Corpo San Sebastiano. Sono infatti stati 76 gli automobilisti fuggiti dopo aver provocato un sinistro rintracciati dagli agenti, che ne hanno anche denunciati 19 per omissione di soccorso ai feriti da loro stessi provocati (gli incidenti totali con lesioni ai coinvolti sono stati 821).

Mentre sono ancora in corso indagini per ritrovare una decina di “irresponsabili”, nel 2020 i “pirati” erano stati 40. Il comandante Stefano Poma segnala inoltre un aumento delle sanzioni stradali per guida sotto l’effetto di droga o alcol (109) e mette in correlazione il fenomeno con gli incidenti. Le strade reggiane però hanno mietuto meno vittime: tre gli incidenti mortali. Per quanto riguarda la sicurezza urbana dei 24.971 intreventi effettuati ben 11.151 hanno riguardato controlli di persone in ordine al rispetto delle misure anti covid, portando a 339 sanzioni.

Per analoghe violazioni sono stati multate anche 63 attività commerciali, di cui 38 sottoposte a chiusura cautelare. Le azioni per arginare la pandemia si sono poi intensificate nel periodo estivo, con il controllo della movida da un lato e le feste non autorizzate in locali dall’altro, di cui ne sono state bloccate 3. La Polizia locale è stata poi protagonista assoluta di diverse operazioni, dal pattugliamento del lungo Crostolo dove alcune donne sono state molestate allo sgombero delle ex Offcine Reggiane. Sono state infine arrestate a vario titolo 12 persone, denunciate altre 230 e sequestrati quasi tre chili e mezzo di droga e più di 8.000 euro in contanti.

Il sindaco Luca Vecchi definisce il Corpo “un’eccellenza della città” contraddistinta “da una grande professionalità e capacità di gestione delle relazioni sociali” con una città “che si è però dimostrata collaborativa”. Il clima di fiducia nutrito per gli operatori è ancora nei numeri: oltre 38.000 richieste di intervento (8000 per situazioni legate al covid) e 1.100 segnalazioni dei “gruppi di comunità” e 2.200 di cittadini, per un totale di più di 40.000 servizi svolti (“gli agenti non sono in ufficio ma per strada”, chiosa il sindaco).

Significativa anche la collaborazione della Polizia locale con le altre forze dell’ordine con cui, per disposizione del Questore, sono stati concertati 485 interventi congiunti. Tra le iniziative di educazione stradale rivolte ai più giovani, infine, rilevanti quelle specifiche sul corretto uso dei monopattini elettrici (Fonte Dire).