Quantcast

Consiglio comunale, è Vinci il più assenteista

Il deputato di Fdi ha collezionato 29 presenze su 43 sedute. Sempre presenti Claudio Bassi (Fi), Matteo Braghiroli (Pd), Gianluca Cantergiani (Pd), Fausto Castagnetti (Pd), Giuliano Ferrari (Pd), Cristian Panarari (Fdi), Claudio Pedrazzoli (Pd), Stefano Sacchi (Lega), Giorgio Varchetta (Lega)

REGGIO EMILIA – E’ Gianluca Vinci (Fdi) il consigliere comunale più assente alle sedute in Sala del Tricolore con 29 presenze su 43 convocazioni. I più assidui, che hanno partecipato a tutte le sedute, sono Claudio Bassi (Fi), Matteo Braghiroli (Pd), Gianluca Cantergiani (Pd), Fausto Castagnetti (Pd), Giuliano Ferrari (Pd), Cristian Panarari (Fdi), Claudio Pedrazzoli (Pd), Stefano Sacchi (Lega), Giorgio Varchetta (Lega).

E’ il presidente del consiglio comunale, Matteo Iori, a fornire una serie di dati. Nel 2021 i consigli Comunali, che durano mediamente 4-5 ore, sono stati 43, praticamente uno alla settimana escluse le pause estive e natalizie. Per la preparazione dei Consigli e la predisposizione dell’elenco degli argomenti da dibattere sono state fatte 43 riunioni di Ccapigruppo, alle quali, oltre al Presidente del Consiglio, partecipano i 10 Capigruppo che rappresentano tutte le forze di maggioranza e opposizione in Consiglio Comunale.

Il Consiglio Comunale di Reggio è formato da 33 Consiglieri, di cui uno è il Sindaco, 19 sono della maggioranza (PD, + Europa, Immagina Reggio, Reggio è) e 13 sono dell’opposizione (Lega, M5S, FdI, Coalizione Civica, Alleanza Civica, Forza Italia).
Nei Consigli che si sono succeduti sono state trattate 95 Mozioni, 77 interpellanze, 54 Delibere, 17 ordini del giorno urgenti e 8 proposte di iniziativa popolare. Qual è la differenza fra queste?

Le Interpellanze sono domande scritte poste alla Giunta su argomenti specifici e l’Assessore competente viene in Consiglio a rispondere pubblicamente, le Mozioni sono atti che servono a impegnare la Giunta ad affrontare un determinato tema, le Delibere sono gli atti predisposti dalla Giunta sui quali viene coinvolto il Consiglio, gli Ordini Del Giorno urgenti sono argomenti di estrema attualità per i quali si chiede di dibattere subito in Consiglio senza aspettare i tempi necessari agli uffici per approfondire le tematiche e infine le proposte di iniziativa popolare sono Mozioni o istanze presentate dai cittadini tramite specifiche raccolte di firme.

Oltre ai Consigli e alle Capigruppo sono state fatte 95 Commissioni Consiliari, convocate sia per approfondire tematiche specifiche che per conoscere i contenuti delle delibere prima che queste arrivino in Sala del Tricolore. Le Commissioni, che durano mediamente circa 1-2 ore, sono divise per competenze e sono 9, due delle quali (bilancio e controllo) spettano per legge all’opposizione. Ogni commissione è formata da circa 20 Consiglieri rappresentanti tutti i gruppi politici, il numero dei Commissari è proporzionale al numero dei Consiglieri eletti in Sala del Tricolore.

Le 103 Commissioni Consiliari del 2021 sono state le seguenti: la prima commissione “uso del territorio e ambiente”, presieduta da Fausto Castagnetti, si è trovata 32 volte; la seconda “scuola, cultura e sport”, presieduta da Claudia Aguzzoli, 15 volte; la terza commissione “servizi sociali, sanità e assistenza”, presieduta da Claudio Pedrazzoli, 12 volte; la quarta commissione “affari generali, amministrazione e bilancio”, presieduta da Fabrizio Aguzzoli, 17 volte; la quinta commissione “statuto e regolamenti”, presieduta da Cinzia Ruozzi, dopo il lungo lavoro fatto nel 2020 per cambiare il Regolamento del Consiglio Comunale, si è tenuta 9 volte; la sesta commissione “controllo e garanzia”, presieduta da Gianluca Vinci, 3 volte; la settima commissione “innovazione, sviluppo, attività produttive e legalità”, presieduta da Paolo Genta, 2 volte; l’ottava commissione “diritti umani, pari opportunità e città internazionale”, presieduta da Marwa Mahmoud, 10 volte; infine la nona commissione “crisi Coronavirus”, presieduta da Palmina Perri, 3 volte.

In alcuni casi alcune commissioni si sono tenute congiunte: coinvolgendo quindi sia i Consiglieri dell’una che dell’altra commissione.