Quantcast

Caro bollette, intesa fra Iren e Associazioni consumatori

L'azienda valuterà più rate e importi minori ai limiti di legge

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Utenti di Iren più tutelati contro il “caro bollette”. Merito dell’accordo raggiunto dalle associazioni dell’Emilia-Romagna Federconsumatori, Adiconsum, Lega Consumatori, Udicon, Adoc e Cittadinanzattiva con la multiutility, per agevolare gli utenti in difficoltà nel pagamento delle forniture di gas ed energia elettrica a fronte dei pesantissimi rincari subiti. I cittadini non in grado di far fronte alla spese potranno quindi attivare forme di rateizzazione e piani di rientro.

Nello specifico, per i clienti con bollette di importi elevati che lo chiederanno Iren è disponibile a valutare, per la prima rata, il pagamento di un importo non inferiore al 30% (anziché il 50% come previsto dalla normativa di legge) e per casi particolari (bollette superiori ai 1.000 euro), sempre su richiesta, anche un allungamento del numero di rate superando il tetto di dieci fissato dalla legge. Ancora su domanda dei clienti, infine, il gestore dei servizi ha dato la sua disponibilità a rimodulare piani di rientro o rateizzazioni già in corso, qualora costoro non fossero in grado di rispettare quanto concordato.

“Gli strumenti consentiranno agli utenti, che pur in difficoltà economiche abbiano la volontà di onorare il debito, di scongiurare eventuali distacchi della fornitura”, spiegano le associazioni dei consumatori, esprimendo soddisfazione “per la prima intesa raggiunta in Italia che va oltre gli strumenti di tutela messi in campo dal Governo”. Ora, fanno sapere le organizzazioni, “si apre una fase di serrati confronti con gli altri operatori presenti sul territorio a partire da Hera, accompagnata da un attento monitoraggio sui distacchi per evitare situazioni di grave disagio sociale”.

Per scongiurare le quali continua anche il pressing per misure ad hoc, su Governo, Regione e Comuni. “Iren conferma ancora una volta la vicinanza a tutti i propri clienti (circa due milioni fra mercato libero e tutelato, ndr)”, è il commento dell’azienda.

Più informazioni su