Quantcast

Saldo positivo per le imprese reggiane: 189 attività in più in un trimestre

Tra luglio e settembre, il totale (54.405) supera il dato pre Covid. La crescita è trainata in modo particolare dal settore delle costruzioni

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Si è chiuso in positivo per 189 unità, nel terzo trimestre dell’anno in corso, il saldo fra le aziende nate in provincia di Reggio Emilia e quelle che nello stesso periodo hanno cessato l’attività.

Tra luglio e settembre, infatti, a fronte di 621 nuove iscrizioni al registro Imprese della Camera di commercio, le aziende che hanno comunicato la cessazione sono state 432. Il numero complessivo delle realtà del territorio si è così portato a 54.405 unità, lo 0,4% in più rispetto alla fine di giugno 2021 segnando un dato anche superiore al periodo pre Covid (a settembre 2019 le imprese reggiane erano 54.219).

La crescita è trainata in modo particolare dal settore delle costruzioni che, grazie anche all’impatto dei bonus e superbonus del comparto edile, ha visto salire il numero delle imprese di 85 unità in tre mesi (11.898 il totale. Oltre alle costruzioni, nel trimestre estivo hanno registrato variazioni positive anche le imprese del terziario e risulta in aumento anche il commercio che, con 26 imprese in più (+0,25%) passa dalle 10.597 della fine del secondo trimestre 2021 alle attuali 10.623.

Di segno positivo il trend registrato dalle attività di alloggio e ristorazione che, a fine settembre 2021, sono salite a 3.288 aziende. Stabile il manifatturiero mentre si collocano in campo negativo le attività del settore primario (8 aziende in meno rispetto a giugno) o del comparto “trasporti e magazzinaggio” (5 aziende in meno).

Relativamente alla forma giuridica, prosegue l’aumento delle società di capitale, che attualmente, con 14.470 unità, rappresentano più di un quarto delle imprese totali. Le ditte individuali, infine, costituiscono il 51,7% del tessuto economico provinciale.

Più informazioni su