Quantcast

Il doposcuola del Comune nei quartieri

Emesso un bando da 80mila euro rivolto a soggetti del terzo settore

REGGIO EMILIA – Una rete di attività di doposcuola, socio-educative e ricreative, dedicate ai giovani dai sei ai 14 anni, organizzate nei diversi quartieri da associazioni e soggetti del terzo settore. E’ l’obiettivo dell’avviso pubblico promosso dal Comune di Reggio Emilia nell’ambito del progetto “Chance”, teso a dare risposte alle nuove complessità socio-educative accresciute dai risvolti sociali della pandemia.

“Abbiamo costruito questo bando insieme ai nostri servizi, raccogliendo i nuovi fabbisogni di famiglie e associazioni del territorio e cercando di dare risposte di natura educativa, relazionale, sportiva”, spiega l’assessore all’Educazione Raffaella Curioni.

“Si tratta di una misura – aggiunge – a cui vorremmo dare continuità e riproporre anche per l’anno 2022/23”. L’assessore al Welfare Daniele Marchi sottolinea: “Mettiamo in campo 80.000 euro di risorse che vogliamo distribuire su tutto il territorio cittadino per costruire prossimità, per rispondere a fragilità vecchie e nuove. Si tratta anche di un’operazione che ci consente di valorizzare il capitale sociale presente in città, supportando il lavoro di associazioni e volontari”. I doposcuola, evidenzia invece l’assessore alla Partecipazione Lanfranco De Franco, “sono una delle maggiori richieste che ci arrivano dai quartieri e dalle frazioni. Questo bando, unito alle attività già in campo, va a rafforzare gli strumenti a disposizione dei soggetti del terzo settore per raggiungere i bisogni dei cittadini”.

I giovani in particolare, ricorda De Franco, “hanno sofferto la chiusura delle attività relazionali e la didattica a distanza e quindi questo bando è particolarmente strategico”. Nello specifico ono in tutto 21 gli ambiti territoriali, suddivisi nei quattro quadranti della città più il centro storico, dove potranno essere realizzate le attività di doposcuola da parte dei diversi soggetti. Si tratta di zone individuate in maniera mirata da diversi uffici comunali sulla base della domanda di servizi pomeridiani espressi da famiglie e cittadini.

Per presentare le loro proposte progettuali gli enti e i soggetti del terzo settore aventi diritto hanno tempo fino al 26 novembre, inviandole via pec all’indirizzo comune.reggioemilia@pec.municipio.re.it, o a mezzo raccomandata postale o corriere o consegna a mano presso l’archivio generale del Comune. Ogni richiedente può presentare fino ad un massimo di 3 domande (per ogni progetto dovrà essere compilata una singola domanda).