Quantcast

E’ morto il dottor Umberto Guiducci

L'ex primario di cardiologia del Santa Maria Nuova e medico sociale della Pallacanestro reggiana, è spirato all'età di 84 anni

CASTELNOVO MONTI (Reggio Emilia) – E’ morto questa notte, all’ospedale S. Anna di Castelnovo Monti dove era ricoverato da alcune settimane per un peggioramento delle sue condizioni di salute, il dottor Umberto Guiducci. Guiducci, 84 anni, originario di Villa Minozzo, è stato presidente della Società Italiana di Cardiologia dello Sport e, per diversi anni, primario del reparto di Cardiologia del Santa Maria Nuova di Reggio Emilia e Sant’Anna di Castelnovo ne’ Monti.

Dal 1997 era anche medico sociale della Pallacanestro reggiana. Guiducci lascia i figli Elena e Vincenzo, la moglie Marisa e gli adorati nipoti Alessia, Francesco, Margherita, Umberto e Marta Lucia. Scrive la società: “Tutta la famiglia biancorossa si stringe attorno alla famiglia Guiducci in questo momento di profondo dolore e la squadra giocherà listata a lutto nella prossima trasferta di Venezia per ricordare il caro Umberto”.

Il sindaco Luca Vecchi ha espresso il suo cordoglio: “La morte del professor Umberto Guiducci priva la comunità reggiana di un professionista valente e stimato da tutti. E’ stato un medico che ha esercitato per anni con passione e generosità la propria professione, un punto di riferimento del mondo sportivo ma non solo. Sono stati moltissimi gli ambiti della città, dal sociale alla solidarietà, in cui il professor Guiducci ha dato un contributo importante. Alla moglie Marisa, ai figli Elena e Vincenzo, ai familiari tutti, agli amici va in questo momento di dolore il cordoglio mio personale e dell’amministrazione comunale di Reggio Emilia”.

La Fondazione Manodori “esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di Umberto Guiducci che dal 2006 al 2009 ha fatto parte del consiglio generale dell’ente, contribuendo, in particolare, a promuovere progetti nell’ambito della salute pubblica”.

Continua l’ente: “Notevole impegno è stato espresso da Guiducci per affiancare i percorsi tesi a sostenere la crescita e la qualificazione dei servizi e delle strutture dell’Arcispedale Santa Maria Nuova e degli ospedali della provincia. Ha messo a disposizione la propria esperienza e competenza nelle iniziative che la Fondazione Manodori ha finanziato per sostenere il miglioramento dei presidi sanitari e l’installazione di strumenti diagnostici ed attrezzature di elevata tecnologia per la diagnosi e la cura, come la Tomotherapy e la realizzazione del nuovo Centro Onco-Ematologico”.

I funerali di Guiducci si svolgeranno oggi alle 15 a Villa Minozzo.