Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Dazn pronta allo stop degli abbonamenti multiuso

Dazn vuole fermare l'accesso a due device che si trovano a distanza l'uno dall’altro. La novità diventerebbe operativa da metà dicembre

ROMA – Stop alla “concurrency”. Dazn pronta a cancellare la possibilità di vedere contemporaneamente lo stesso contenuto sue due utenze collegate a uno stesso abbonamento. La pratica degli abbonamenti in condivisione, insomma.

A quanto risulta al Sole 24 Ore, la piattaforma guidata in Italia da Veronica Diquattro (che è anche nel board del Gruppo 24 Ore) vuole fermare l’accesso a due device che si trovano a distanza l’uno dall’altro. Se ci si trova collegati alla stessa rete fissa si potrà continuare. Un “problema” soprattutto per gli abbonati alla Serie A.

Contattata dal Sole 24 Ore, Dazn replica con un “no comment”. “Il ‘due al posto di uno’ è però in procinto di lasciare la scena – scrive il giornale di Confindustria – E sarebbero infatti in partenza le comunicazioni agli abbonati che devono essere informati per avere la possibilità di esercitare il recesso, entro 30 giorni”. La novità dovrebbe andare a regime a partire da metà dicembre, mettendo la parola fine a una possibilità, che per gli abbonati Dazn era finora prevista al punto 8.3 delle condizioni di utilizzo.

La mossa “viene considerata anche nell’interesse della Lega Serie A e dei presidenti dei club, perché in questo modo si colpisce l’utilizzo fraudolento degli accessi a Dazn e si arresta un fenomeno che, nei fatti, riduce il valore dei diritti“. Ma è figlia anche del semi-flop degli abbonamenti, che sarebbero sotto i 700mila abbonati per Tim e intorno agli 1,2 milioni per Dazn, almeno stando ai numeri generali anticipati dal Sole 24 (Fonte Dire).