Quantcast

Villa Gavassa: 1,3 milioni da Iren per riqualificarla foto

Nell'area opere ambientali e stradali per compensare il polo biometano

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Ammontano a 1,3 milioni le risorse messe a disposizione da Iren a Reggio Emilia per la frazione di Gavassa, dove l’azienda è in procinto di costruire la sua centrale per la produzione di biometano e compost ricavati da sfalci verdi e frazione umida dei rifiuti. Nell’area, a compensazione dell’insediamento produttivo, sono infatti previsti- secondo un accordo con il Comune- diversi interventi di miglioramento della qualità urbana e ambientale.

Fra questi la risistemazione dell’area sportiva, mentre sono terminati i lavori della pavimentazione esterna della scuola dell’infanzia e quelli per la messa a norma degli spogliatoi della società sportiva presso la parrocchia. Inoltre sono iniziati oggi i lavori di demolizione della vecchia bocciofila a seguito della bonifica e smaltimento dell’amianto presente sul tetto.

Particolare attenzione viene data al tema della mobilità sostenibile e della moderazione del traffico, grazie alla riqualificazione e al potenziamento di piste ciclabili per oltre 2,3 chilometri, nuovi attraversamenti, restringimenti di carreggiata per ridurre la velocità, una zona 30 e la messa in sicurezza di 12 fermate dei bus. I lavori, già iniziati, si concluderanno entro l’estate del 2022.

“Il significativo investimento sulla riqualificazione e l’adeguamento delle dotazioni pubbliche di Villa Gavassa coinvolgono diversi beni che sono a servizio della vita della comunità”, commenta il sindaco Luca Vecchi. Si tratta, aggiunge, “di interventi ad ampio spettro individuati anche nel corso degli incontri dei ‘laboratori di quartiere e di un confronto con la stessa parrocchia di Gavassa che hanno l’obiettivo di mantenere e accrescere la coesione sociale e migliorare la sostenibilità e la sicurezza stradale”.

Iren Ambiente “mette a disposizione della comunità un consistente piano di interventi – sottolinea l’amministratore delegato Eugenio Bertolini – in segno di prossimità e di vicinanza al territorio e ai suoi abitanti”. L’investimento, aggiunge, prevede “una cifra consistente che, volentieri, viene messa a disposizione da Iren e che verrà utilizzata, come previsto dall’accordo con l’amministrazione comunale, per la realizzazione di opere utili alla collettività”. Alcune di queste, conclude la responsabile del progetto per Iren Chiara Ugolini, “sono già in fase di realizzazione e si concluderanno nel 2021”.

Più informazioni su