Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Tragedia a San Donato Milanese, si schianta aereo da turismo

Vicino alla stazione della metropolitana di San Donato, velivolo, auto e palazzina in fiamme. A bordo il pilota e una famiglia francese. L'agenzia per la sicurezza del volo apre una inchiesta

MILANO – Un piccolo aereo è precipitato su un edificio con uffici vicino alla metro S. Donato Milanese, capolinea della linea 3. Successivamente è divampato un incendio che ha investito le auto parcheggiate. Le vittime sono otto (tutte a bordo del velivolo). Alla guida del Pilatus P-12 che è precipitato a Milano c’era uno degli uomini più ricchi della Romania, Dan Petrescu, che ne è anche il proprietario. Aveva 68 anni, doppia cittadinanza tedesca e romena ed era uno dei principali investitori del settore immobiliare. Uno degli uomini più ricchi della Romania.

Insieme a lui, a bordo dell’aereo, anche la moglie Regina Dorotea Balzat Petrescu di 65 anni con cittadinanza francese e il figlio trentenne, Dan Stefan, nato a Monaco di Baviera ma anche lui con doppia cittadinanza. Tra le vittime anche un italiano, Filippo Nascimbene, pavese di 32 anni, la moglie Claire Alexandrescou, cittadina francese, e il figlio della coppia Raphael di un anno. E poi la nonna del bambino, Miruna Anca Wanda Lozinschi, e un amico di Dan Pedrescu, il canadese Julien Brossard.