Quantcast

Sicurezza territorio, arrivano i reparti speciali

Oggi un vertice dei comandanti dell'Arma su controlli a 360 gradi

REGGIO EMILIA – Fare il punto sulla sicurezza in provincia e pianificare gli interventi con l’ausilio dei reparti speciali dell’Arma. E’ il senso della riunione di questa mattina tra il nuovo comandante dei Carabinieri di Reggio Emilia Andrea Milani e quelli dei reparti speciali di stanza in Emilia-Romagna che hanno giurisdizione sulla provincia reggiana: il reparto carabinieri del parco nazionale dell’Appennino tosco emiliano, il nucleo operativo Ecologico (Noe), quello per la tutela del patrimonio Culturale e la sezione Anticrimine (Ros) di Bologna, i nuclei Antisofisticazione e Sanità (Nas) e Antifrodi (Nac) di Parma, e il nucleo Elicottero di di Forlì.

I controlli saranno intensificati “per una sicurezza a 360 gradi” e ai servizi di pattugliamento concorreranno anche le unità provenienti da squadre speciali operative appositamente addestrate. Guardia alta e “massima attenzione info-investigativa” viene annunciata per il contrasto alle frange di criminalità organizzata ed eversive, attraverso lo scambio di informazioni tra i reparti territoriali operanti in provincia e la sezione Anticrimine dei Ros.