Quantcast

Nasce master Unimore su sicurezza agroalimentare: Cna partner del progetto

Nascono gli esperti in etichettatura e informazioni al consumatore, contrattualistica e responsabilità civile, risk & compliance. Candidature aperte per le imprese che vogliono ospitare tirocini curriculari

REGGIO EMILIA – Cna Reggio Emilia, attraverso le attività di Cna Education ed Unione Alimentare, ha aderito come partner alla prima edizione del Master di primo livello in “Diritto, impresa e sicurezza agroalimentare” (Disa, Diritto, impresa e sicurezza agroalimentare) promosso da Unimore, ottima opportunità per le imprese del settore agroalimentare per valutare l’inserimento di profili altamente specializzati in impresa.

Obiettivo del Master, aperto a neolaureati magistrali o triennali di qualsiasi disciplina, è formare esperti di diritto e sicurezza agroalimentare, per rispondere alle richieste di imprese, associazioni di categoria, Pubblica Amministrazione, società di servizi, studi legali e aziende Sanitarie, favorendo l’inserimento di specifiche figure professionali: giurista d’impresa operanti in aziende agroalimentari, liberi professionisti, avvocati specializzati in diritto (civile e penale) alimentare e dei mangimi, dirigenti e personale sanitario, dipendenti di varie associazioni del settore, come quella dei consumatori. Tra i temi che saranno oggetto del percorso formativo vi saranno quattro moduli didattici dedicati alle normative di settore, tra cui l’etichettatura, il mercato agroalimentare, la contrattualistica e responsabilità civile (contratti di filiera e le vendite all’estero), risk & compliance (es. diritto penale nella sicurezza alimentare).

“Oggi le imprese operanti sul territorio nazionale richiedono figure professionali sempre più specializzate – spiega Marco Simonazzi, presidente coordinatore Unione Cna Alimentare – ma (anche) opportunamente formate in materia di diritto e sicurezza agroalimentare, privacy e sicurezza sul lavoro. L’alimentare è una filiera identitaria della nostra regione, che proprio recentemente, attraverso l’assessore al lavoro Vincenzo Colla, ha annunciato di star ragionando con le Università per replicare l’esperienza del Muner, la laurea magistrale in ingegneria dell’automotive, nel settore food. Un segnale inequivocabile sulla volontà di investire in un settore che avrà un’evoluzione green di certificazione di qualità. Le imprese Cna hanno quindi un’opportunità incredibile di precorrere i tempi e ospitare in tirocinio curriculare gli allievi del percorso Disa”.

L’inizio del Master è programmato per il mese di febbraio 2022 – per una durata di circa 6 mesi e, al termine della formazione in aula (indicativamente luglio/settembre 2022), gli studenti più meritevoli e altamente qualificati avranno la possibilità di avere un contatto diretto con le aziende partner e loro associate, al fine dello svolgimento di un tirocinio curriculare di circa 500 ore.

“Il nostro settore – conclude Simonazzi – è uno tra i più soggetti alle continue evoluzioni delle normative, basti pensare all’etichettatura ed alle informazioni al consumatore, ma vi sono spesso anche numerose problematiche legate alla contrattualistica, soprattutto quando si lavora con la Gdo. Avere un esperto di riferimento in questo “campo minato” potrebbe snellire di molto la parte burocratica del nostro lavoro, guadagnandoci in termini di tempo e con la sicurezza di applicare correttamente tutte le normative. Per questo motivo, auspico che tanti ragazzi si iscrivano al master e che le imprese sappiano cogliere il valore di questa nuova figura professionale”.

Per info e manifestazioni di interesse sui tirocini aziendali, rivolgersi a Cna Education (ughetta.fabris@cnare.it – 0522 356366) e CNA Alimentare (chiara.bulgarelli@cnare.it – 0522 356364).