Quantcast

Mobilità sostenibile e sicura, il riordino di via Emilia all’Angelo-via Fratelli Cervi

Una doppia ciclabile di 2 chilometri, attraversamenti protetti, nuovi alberi e illuminazione pubblica

REGGIO EMILIA – Maggiore sicurezza, riordino della viabilità e sostenibilità: sono questi i principali esiti dell’intervento di riqualificazione che ha interessato la Via Emilia verso Parma, nel tratto compreso tra il ponte sul Crostolo e via Hiroshima, in passato caratterizzato da un’elevata incidentalità soprattutto tra veicoli a motore e ciclisti o pedoni e sul quale il Comune di Reggio Emilia è voluto intervenire per sopperire, prima fra tutte, alla esiguità o mancanza di marciapiedi e di percorsi ciclabili protetti.

Con un investimento di 750mila euro, le opere, recentemente completate, hanno consentito il necessario “riordino” di uno dei principali assi di accesso alla città, definendo le aree destinate alle diverse tipologie di viabilità e inserendo delle aiuole alberate in modo da marcare gli accessi carrabili e impedire la sosta disordinata e impropria in una zona caratterizzata da una forte promiscuità tra spazi pubblici e spazi privati.

Nello specifico, l’intervento ha comportato la realizzazione di una rotatoria tra via Fratelli Cervi e via Galilei (strada che collega al popoloso quartiere del Carrozzone, caratterizzato per altro da numerose attività produttive) con diametro esterno di 25 metri e un diametro interno carrabile di 7,5 metri, utile per la fluidificazione del traffico e la moderazione della velocità. La rotatoria è corredata da una grande aiuola centrale con elementi verdi e da isole direzionali rialzate rispetto al piano stradale delimitate da cordoli in granito.

Sono stati installati attraversamenti pedonali protetti. La costruzione di una doppia pista ciclopedonale, della lunghezza di oltre 2 chilometri, su entrambi i lati di questo tratto della Via Emilia, ha invece avuto l’obiettivo di incrementare la sicurezza di chi transita a piedi o in bicicletta lungo la strada. Il nuovo tratto – parte della Ciclovia 1 della rete ciclabile di Reggio Emilia – permette inoltre, seguendo il tracciato della Via Emilia storica, di attraversare praticamente l’intero territorio comunale, per cui oggi è possibile spostarsi da Villa Bagno a Cadè utilizzando percorsi ciclabili.

Il nuovo tratto favorisce inoltre l’intermodalità in quanto collega il parcheggio scambiatore il Volo al centro città.