Quantcast

Green pass, sos di Confcooperative: “Mancano norme su controlli”

Appello al governo: "Il tempo sta scadendo, faccia un decreto operativo"

REGGIO EMILIA – “A pochi giorni di distanza dall’entrata in vigore delle nuove norme su vaccinazioni e green pass nei luoghi di lavoro siamo ancora di fronte ad incertezze e lacune normative pesantissime rispetto alla chiarezza di cui hanno bisogno le imprese. Per questo sollecitiamo il Governo a mettere mano ad una situazione che va affrontata tanto con decreti quanto con buon senso per raggiungere gli obiettivi fissati in materia di prevenzione del Covid-19”.

La richiesta arriva da Confcooperative Reggio Emilia a conclusione del webinar nel corso del quale – con la partecipazione degli esponenti di 140 imprese reggiane e altrettante di Modena e Bologna – ha approfondito i diversi aspetti applicativi dei provvedimenti che fissano al 10 ottobre l’obbligo di vaccinazione per tutti coloro che hanno rapporti con strutture sanitarie residenziali e al 15 ottobre l’obbligo del green pass (e dei relativi controlli) nei luoghi di lavoro.

“L’aspetto sicuramente più allarmante – osserva Confcooperative – è la mancanza dell’annunciato decreto che doveva dettare le linee per i controlli degli accessi nelle strutture sanitarie. A pochissimi giorni di distanza dall’entrata in vigore dell’obbligo, che scatterà a fine settimana, non è dunque chiarita alcuna modalità di controllo”. La centrale di Largo Gerra si augura quindi che il Governo “in poche ore metta a punto i dispositivi necessari ad assicurare, seppur con uno sforzo che sarà comunque straordinario, l’applicazione di norme di tutela fondamentali in materia di salute”.