Quantcast

Cila e Latteria San Giovanni, Mammi: “Orgogliosi di aver contribuito al loro sviluppo”

Alessio Mammi, assessore all'agricoltura della Regione, in visita alle cooperative reggiane. Era presente anche Elena Carletti, sindaco di Novellara

NOVELLARA (Reggio Emilia) – “L’azienda Cila e la Latteria San Giovanni della Fossa sono due esempi di grande efficienza del modello cooperativo nel comparto zootecnico e della trasformazione agroalimentare del nostro territorio. Regione Emilia-Romagna ha affiancato queste due grandi aziende in questi anni attraverso investimenti importanti, complessivamente poco meno di 3 milioni di euro, per l’innovazione aziendale e l’adeguamento tecnologico, per rendere i loro prodotti sempre più sicuri, di qualità e competitivi nel mercato globale. Come Regione siamo orgogliosi di aver contribuito allo sviluppo di queste due grandi aziende cooperative”.

Lo ha detto Alessio Mammi, assessore all’agricoltura della Regione Emilia-Romagna in visita alle cooperative reggiane. Era presente anche Elena Carletti, sindaco di Novellara.

“Due storiche realtà cooperative del nostro territorio, un esempio virtuoso di cui il nostro movimento va molto fiero” commenta Mauro Menozzi, responsabile agroalimentare Legacoop Emilia Ovest, “forte radicamento nel territorio, centralità del socio, crescente vocazione all’innovazione, grande cura della qualità: sono questi gli ingredienti vincenti delle due cooperative”.

A pochi metri l’una dall’altra Cila e la latteria San Giovanni della Fossa hanno ospitato l’assessore per un confronto con i rispettivi presidenti Giuseppe Benaglia e Giorgio Catellani, affiancati dai soci, sui temi emergenti dell’agricoltura e per una visita agli stabilimenti e allevamenti.

Cila vanta uno dei più grandi allevamenti a livello nazionale, conta 3800 capi, 5000 suini, 1000 ettari di proprietà e 200 in affitto. Ai grandi numeri si affiancano visione e investimenti importanti volti ad accrescere il benessere animale e l’integrazione delle tecnologie con strumenti di agricoltura di precisione, che rappresentano un grande vantaggio in termini di efficienza.

La latteria sociale San Giovanni della Fossa affonda le radici nel lontano 1904 e, con i suoi 270mila quintali di latte lavorato all’anno, circa 140 forme al giorno per un totale di oltre 50mila all’anno lavorato nelle 78 caldaie, è un gioiello di modernità nella produzione di Parmigiano-Reggiano, un vanto per il territorio e la produzione d’eccellenza del Re dei formaggi. In latteria erano presenti anche Renzo Bergamini sindaco di Gualtieri e Gianluca Paoli sindaco di Bagnolo.