Quantcast

Ai domiciliari per droga evade due volte: 47enne albanese arrestato

I carabinieri di Scandiano danno esecuzione all’inasprimento della misura disposta dal Gip dopo le violazioni accertate dai carabinieri durante i controlli

SCANDIANO (Reggio Emilia) – Ai domiciliari per droga evade due volte: 47enne albanese arrestato dai carabinieri. I carabinieri della tenenza di Scandiano danno esecuzione all’inasprimento della misura disposta dal Gip dopo le violazioni accertate dai carabinieri durante i controlli.

L’immigrato era stato arrestato lo scorso mese di settembre per droga ed era stato messo ai domicilari nella sua abitazione. Tuttavia i militari hanno accertato violazioni agli obblighi della misura relativamente al divieto di uscire, dato che hanno appurato due evasioni in meno di un mese. Una quando è uscito di casa per incontrare una cliente che rivoleva indietro il suo smartphone che aveva consegnato all’albanese per l’acquisto di cocaina in attesa di saldargli il dovuto e l’altra quando è andato in un bar dove, peraltro, ha aggredito un avventore come rilevato dalle telecamere di videosorveglianza dell’esercizio.

Ieri allle 15.30 i carabinieri hanno raggiunto l’abitazione del 47enne e lo hanno informato che doveva andare in carcere. L’uomo ha dimostrato subito un atteggiamento scontroso, impedendo l’esecuzione dell’ordinanza e le operazioni di perquisizione. Prima ha urlato contro i carabinieri e poi ha impugnato un paio di forbici minacciando di farsi del male, forbici che ha suato anche per minacciare i militari.

A fatica i carabinieri sono riusciti ad aver la meglio procedendo anche alla perquisizione che ha portato al rinvenimento e al sequestro di due pizzini con appunti ricondotti all’attività di spaccio e materiale per il confezionamento delle dosi. L’uomo è stato portato in carcere e ora dovrà anche rispondere di resistenza a pubblico ufficiale.

Il 47enne era finito in manette a settembre quando, dopo una perquisizione eseguita nella casa dell’uomo a Scandiano con l’ausilio del nucleo cinofili carabinieri di Bologna, i carabinieri scandianesi avevano rinvenuto e sequestrato sei dosi di cocaina già confezionate (oltre quattro grammi), 225 euro in contanti ritenuti provento dello spaccio, quattro etti di sostanza da taglio, materiale per il confezionamento e un bilancino di precisione. Operazione che portò al sequestro di oltre 20.000 che un connazionale, convivente con il 47enne, aveva cercato di non fare trovare ai carabinieri gettandoli dalla finestra, ma che furono recuperati e sequestrati.