Quantcast

Ex Reggiane, sgomberata l’area: fuori le ultime 12 persone foto

Gli immigrati che erano ancora dentro sono stati fatti uscire e ci sono squadre di muratori che sono al lavoro per chiudere porte e finestre degli edifici

REGGIO EMILIA – Le ex Reggiane sono state sgomberate definitivamente. L’area è stata circondata dalle forze dell’ordine e tutti gli accessi sono stati chiusi. Gli immigrati che erano ancora dentro, dodici persone in tutto, sono stati fatti uscire e ci sono squadre di muratori che sono al lavoro per chiudere porte e finestre degli edifici. In volo anche un drone per monitorare l’area. Sul posto oltre cento unità di polizia di Stato, Municipale, vigili del fuoco, Finanza e carabinieri. Era presente anche il personale di Iren per ripulire e sanificare l’area. Sono state chiuse al traffico tutte le vie attorno all’area delle ex Reggiane, compresa via Agosti e non si poteva parcheggiare davanti al Tecnopolo.

Viene così portato a conclusione il protocollo firmato a dicembre dell’anno scorso tra Comune, Ausl, Regione e Diocesi, con il supporto di diverse associazioni del terzo settore, per realizzare dei “corridoi umanitari” a favore degli “inquilini” delle Reggiane. Una cinquantina di persone se n’era già andata nei mesi scorsi. Gli immigrati erano stati trasferiti e ricollocati. Nei giorni scorsi una retata della polizia aveva permesso di arrestare nove extracomunitari dediti allo spaccio. Restavano le ultime dodici persone che sono uscite oggi senza creare problemi.

Saranno ospitate in alberghi e in appartamenti e poi, come per gli altri, inizierà per loro un piano di integrazione lavorativa di cui si occuperanno le cooperative sociali. Il lavoro di pulizia e muratura dell’area, invece, andrà avanti per una quindicina di giorni.