Quantcast

Elezioni a Ventasso, le richieste dei sindacati dei pensionati

Cgil, Cisl e Uil: "La popolazione residente diminuisce e invecchia provocando riflessi negativi anche sulla sostenibilità dei servizi"

VENTASSO (Reggio Emilia) La persistente mancanza di adeguate opportunità di lavoro, la lontananza e la difficoltà di accesso a servizi fondamentali continuano a causare un progressivo spopolamento del territorio montano. I giovani emigrano, quindi le nascite calano e non c’è nuova immigrazione. Il risultato è che la popolazione residente diminuisce e invecchia provocando riflessi negativi anche sulla sostenibilità dei servizi.

Questo andamento demografico continua a coinvolgere pienamente il comune di Ventasso che si presenta oggi con poco più di 4.000 abitanti (circa il 5% in meno rispetto a 5 anni fa) e quasi 1.500 di questi sono over 65, con oltre 500 nuclei composti da una sola persona. Il tutto con un territorio di quasi 260 km. quadrati, il più vasto della provincia e uno dei più vasti in regione.

La fusione dei quattro comuni che ha originato il nuovo Comune ha garantito rilevanti risorse statali e regionali – oltre 7 milioni di euro già erogati in questi 5 anni e altrettanti assegnati per i prossimi 5 – ma non ha consentito di invertire questa tendenza. Non ci sfuggono certo la complessità di governo di un territorio come questo e le problematiche derivanti dalla fusione.

Per tale ragione a pochi giorni dalle elezioni amministrative , le organizzazioni sindacali dei pensionati assieme a Cgil, Cisl e Uil della zona montana, forti del loro radicamento nel territorio, chiedono un confronto diretto coi candidati a sindaco per conoscere le loro posizioni in merito ad alcuni bisogni emersi nei contatti coi cittadini e in particolare con le persone anziane.

Di seguito i temi su cui i sindacati vogliono confrontarsi

SVILUPPO DEL TERRITORIO
Qualsiasi azione di governo locale non può prescindere da un robusto piano di investimenti teso a creare nuovo lavoro, a cui destinare tutte le risorse possibili.
Chiediamo di conoscere quali ulteriori azioni si intendono mettere in atto nel concreto per la valorizzazione dell’ambiente, del turismo e delle produzioni tipiche, per la cura del territorio, per le infrastrutture viarie e tecnologiche e per favorire l’insediamento di nuove attività compatibili con la vocazione del territorio.

MUNICIPI
Il tema dell’istituzione e delle prerogative dei municipi è stato, a nostro avviso, affrontato correttamente nello statuto e nel regolamento del nuovo comune.
Dai nostri contatti si lamenta però, nei fatti, da una parte una scarsa considerazione delle municipalità e dall’altra una scarsa incisività del ruolo che le stesse hanno svolto. Anche in considerazione della vastità del territorio riteniamo indispensabile che si arrivi ad una piena valorizzazione di questi organismi e a una piena assunzione di responsabilità da parte di questi per tutto quanto di loro competenza.
Soddisfatta l’esigenza che presso i municipi sia possibile svolgere tutte le normali operazioni di front-office fra Comune e cittadini chiediamo che sia rafforzata, la presenza di operatori comunali qualificati coi quali i cittadini possano avere più necessità di confrontarsi (ad esempio ufficio tecnico e ufficio tributi).

VIVIBILITA’ NELLE FRAZIONI E NEI BORGHI
Il comune di Ventasso presenta un territorio molto vasto in cui convivono centri più strutturati e piccoli borghi formati da poche famiglie residenti, spesso di anziani, con difficoltà per gli spostamenti. Nel documento per le prime elezioni amministrative del comune avevamo evidenziato la necessità, di mettere in atto interventi concreti di sostegno anche per la quotidianità (in particolare nei mesi invernali), per consentire loro di continuare ad abitare questi luoghi. Una risposta possibile a questi bisogni, l’avevamo indicata nelle cooperative di servizi di comunità, che possono anche rappresentare nuove opportunità di lavoro. Ribadiamo la richiesta di un forte impegno del comune per dare risposte a questa necessità.

SERVIZI ASSISTENZIALI E SANITARI
Se rispetto al servizio infermieristico e di assistenza domiciliare non si registrano al momento particolari criticità, permane la difficoltà delle persona anziane che vivono in centri abitati ubicati a una notevole distanza dalle attuali farmacie, all’approvvigionamento dei farmaci necessari. Durante questa pandemia è stato attivato per alcuni borghi un servizio di consegna dei farmaci a domicilio. Chiediamo che questo servizio diventi strutturale ed esteso a tutti i punti disagiati del territorio comunale.

MOBILITA’
La polverizzazione dei nuclei abitati, la distanza e la problematicità degli spostamenti, senza un adeguato servizio di trasporto pubblico generano una seria difficoltà, in particolare per la popolazione anziana, a raggiungere i centri di interesse. Ribadiamo la richiesta che si prevedano forme flessibili di trasporto locale, anche in convenzione con soggetti terzi, atti a raggiungere in particolare i presidi sanitari del Comune, la casa di riposo di Cereggio e l’ospedale di Castelnovo Monti.

RETE GAS
Diverse zone del comune non sono servite dalla rete del gas metano con la conseguenza che gli abitanti di queste zone devono sostenere spese e disagi per il riscaldamento domestico decisamente superiori rispetto a chi risiede nelle aree servite dal gas di rete. Ribadiamo la richiesta che siano previsti contributi a favore di chi risiede in aree non servite e/o che il Comune si faccia promotore di prezzi convenzionati coi fornitori, in modo tale che a parità di consumo corrispondano costi uguali per gli utenti.

TASSA SUI RIFIUTI (TARI)
Una delle conseguenze dello spopolamento soprattutto giovanile di questi anni è che diverse abitazioni, spesso con superfici elevate sono rimaste abitate da una/due persone, sovente anziani con bassi redditi, per le quali questo tributo diventa un peso gravoso. Ribadiamo la richiesta che il Comune preveda agevolazioni sociali per le famiglie a basso reddito come già avviene in molti altri comuni. Si avverte inoltre, una diffusa esigenza di potenziamento dei punti di raccolta differenziata, abbinata ad un’azione informativa ed educativa per la cittadinanza.

Su questi temi riteniamo un diritto dei cittadini conoscere, prima del voto, le posizioni di chi intende candidarsi al governo del Comune. Chiediamo, pertanto, ai candidati di programmare un incontro entro la fine del corrente mese.