Quantcast

Tar sospende cessazione attività di sala gioco a Reggio Emilia

Il Comune non ci sta e presenta un ricorso al Consiglio di Stato

REGGIO EMILIA – E’ scontro in tribunale tra il Comune di Reggio Emilia e la società “Bingo d’Oro srl”. Oggetto del contendere è la delocalizzazione di una sala giochi e scommesse in piazzale Atleti Azzurri d’Italia a cui nel 2019 la società si è opposta, presentando contro il provvedimento dell’amministrazione un ricorso straordinario al presidente della Repubblica.

Lo scorso febbraio il contenzioso è approdato al Tar di Parma dove, con un nuovo ricorso, la Bingo d’Oro ha chiesto anche la sospensione dell’ordinanza comunale che imponenva la cessazione dell’attività. L’istanza sospensiva della ricorrente è stata accolta dai giudici il 16 luglio scorso, che hanno fissato l’udienza di merito il prossimo 20 ottobre.

Il Comune ha però già deciso di impugnare l’ordinanza favorevole alla società presentando un ricorso in appello al Consiglio di Stato, “considerata la rilevanza dell’interesse generale alla tutela dalle ludopatie”, si legge nella delibera approvata dalla giunta comunale.