Quantcast

Parcheggi Mediopadana, mutuo del Comune per realizzarli

L'ente ha chiesto un finanziamento di 738.000 euro contratto con Cassa depositi e prestiti e coperto con 68.000 da un avanzo di amministrazione del 2020

REGGIO EMILIA – L’investimento da 800.000 euro per il progetto di gestione della sosta e per la sicurezza nel parcheggio della stazione Mediopadana sarà sostenuto dal Comune di Reggio Emilia attraverso un mutuo di 738.000 euro contratto con Cassa depositi e prestiti e coperto con 68.000 da un avanzo di amministrazione del 2020. E’ tutto nero su bianco in una determina del dirigente del servizio Finanziario pubblicata oggi sull’Albo pretorio.

In particolare l’intervento prevede la realizzazione di ingressi controllati tramite sbarra e la possibilità di pagamento sia con Telepass, sia con casse automatiche. È inoltre prevista l’installazione di un sistema di lettura delle targhe ad ogni varco di ingresso, oltre a telecamere di contesto distribuite sull’intero parcheggio per rafforzarne la sicurezza. I lavori sono previsti entro la fine dell’anno per attivare la messa a pagamento del parcheggio a partire dal 2022.

Nel frattempo sono entrati in funzione a luglio i 400 nuovi posti auto realizzati dal Comune in corrispondenza dell’ingresso ovest della stazione, che si aggiungono a quelli esistenti, portando la dotazione a 1.120 stalli. A seguito della sottoscrizione nel giugno 2020 dell’accordo fra Rfi, Comune di Reggio Emilia e Terminal One, stanno avanzando rapidamente anche i lavori per i nuovi parcheggi sul lato est, vale a dire i 1.310 stalli che coinvolgono risorse pubbliche e private per un importo di oltre 17 milioni a carico della società Terminal One. La dotazione totale di posti auto dell’infrastruttura sarà alla fine di 2.430 unità.

Sempre a luglio Rfi, proprietario della stazione, ha completato la prima fase dell’indagine di mercato per la valorizzazione degli gli spazi non utilizzati della Mediopadana, da destinare a nuovi servizi per la clientela e il territorio fra cui: una nuova hall di ingresso sul lato est, una velostazione coperta, nuove scale mobili e ascensori, bar, ristoranti, un farmacia, servizi di noleggio auto, luoghi di incontro e soprattutto una vetrina per il territorio con la creazione di spazi museali ed espositivi. L’investimento complessivo (che sarà pari a oltre 18 milioni) vedrà il via, secondo il cronoprogramma della società delle Ferrovie, nel secondo semestre del 2022 (Fonte Dire).