Quantcast

Fugge dal centro di permanenza di Ragusa per spacciare nel Reggiano: denunciato

Un 36enne tunisino clandestino è stato accusato di detenzione ai fini di spaccio

GATTATICO (Reggio Emilia) – Fugge dal centro di permanenza di Ragusa per venire a spacciare nel reggiano: 36enne tunisino denunciato dai carabinieri. L’attività sospetta del nordafricano, che aveva fuggevoli incontri con i giovani di Gattatico, non è sfuggita ai carabinieri della stazione locale che l’altra sera, durante uno specifico servizio di osservazione e repressione dei reati relativi allo spaccio di stupefacenti, hanno visto lo straniero mentre si aggirava con fare sospetto in attesa dell’arrivo di qualcuno.

La presenza dei militari, tuttavia, non è passata inosservata al 36enne che, quando li ha visti, ha tentato di allontanarsi dalla zona. A questo punto i carabinieri lo hanno blocccato e, dopo avergli chiesto contezza della sua presenza a Gattatico e, visto che lo straniero non sapeva giustificarsi, hanno deciso di portarlo in caserma per accertamenti. E’ venuto fuori che era tunisino clandestino in Italia che si era allontanato abusivamente da un centro di permanenza della provincia di Ragusa. Inoltre aveva con sé 200 euro.

Questo ha indotto i carabinieri a perquisire l’alloggio occupato dallo straniero, che è poi risultato essere di proprietà del fratello, regolare sul territorio nazionale. Durante la perquisizione sono stati trovati altri 1.100 euro e una dose di hascisc del peso di un grammo. In disponibilità del fratello sono stati trovati due grammi di hascisc la cui detenzione, in questo caso, è stata ricondotta ad uso personale. Il danaro e la droga sono stati sequestrati, mentre il 36enne tunisino è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.