Quantcast

Ai domiciliari per maltrattamenti in famiglia, torna in carcere

Un 44enne catanese ha violato ripetutamente la misura cautelare e il giudice ne ha disposto l’aggravamento

REGGIO EMILIA – Ai domiciliari per maltrattamenti in famiglia, torna in carcere. Un 44enne catanese ha violato ripetutamente la misura cautelare e il giudice ne ha disposto l’aggravamento. L’uomo è stato portato in carcere dai carabinieri della stazione di via Adua.

L’uomo era stato accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti dell’ex compagna e della madre della donna per vicende avvenute a Catania nel 2020. Aveva ottenuto gli arresti domiciliari in una comunità del capoluogo reggiano dove avrebbe dovuto effettuare un percorso di recupero dallo stato di tossicodipendenza.

Tuttavia, nonostante il beneficio concessogli e il percorso intrapreso, ha violato sistematicamente e in maniera reiterata la misura cautelare applicata. In particolare è risultato positivo alla cocaina. In una circostanza, inoltre, ha avuto una crisi epilettica da verosimile assunzione di droghe ed è dovuto ricorrere alle cure mediche.

La procura catanese, a questo punto, ha chiesto è ottenuto dal Gip del tribunale di Catania la revoca della misura degli arresti domiciliari e ha applicato al 44enne catanese la misura cautelare della custodia cautelare in carcere. Il provvedimento è stato trasmesso ai carabinieri di via Adua che hanno portato l’uomo in carcere.