Quantcast

Vende on line un attrezzo da palestra, ma viene truffato

Un 28enne abitante in provincia di Treviso e un 23enne residente a Roma sono stati denunciati per aver raggirato un 64enne di Luzzara

LUZZARA (Reggio Emilia) – Vende on line un attrezzo da palestra, ma viene raggirato: un 28enne abitante in provincia di Treviso e un 23enne residente a Roma sono stati denunciati per truffa dai carabinieri che li hanno identificati grazie al tracciamento dei movimenti delle loro carte di credito

I due, dopo aver contattato il venditore fingendosi interessati all’acquisto on line di una “cyclette ellittica” da palestra, gli hanno chiesto di andare a fare il pagamento in uno sportello Atm dove, raggirandolo, anziché accreditargli l’importo pattuito, gli hanno fatto ricaricare due carte di credito a loro intestate, per complessivi 250 euro.

La vittima è un 64enne di Luzzara e la vicenda è avvenuta a settembre dello scorso anno. L’uomo, pochi minuti dopo aver fatto l’inserzione su un noto sito di compravendita on line, è stato contattato da un finto acquirente che, dopo essersi accordato sul prezzo, ha messo in atto la truffa. Quando ha capito di essere stato truffato il 64enne di Luzzara si è rivolto ai carabinieri della stazione locale che, una volta ricevuta la denuncia, hanno iniziato ad indagare.

Grazie al tracciamento delle carte di credito, i militari hanno identificato i due autori della truffa e li hanno denunciati per truffa.