Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Giustizia, Conte vede Draghi: “No all’impunità”

Il leader in pectore del M5S vede il premier Draghi e assicura il sostegno alla riforma della giustizia, promettendo però di vigilare perché non crei impunità. Ma la ministra Cartabia ricorda: "Il testo è frutto di mesi di trattative in cui ognuno ha rinunciato a qualcosa, la riforma è indispensabile"

Più informazioni su

ROMA – “È stato un incontro proficuo. Abbiamo assicurato il pieno sostegno”. Così Giuseppe Conte dopo l’incontro a palazzo Chigi con il premier Mario Draghi per discutere della riforma della giustizia. Il testo presentato in Consiglio dei Ministri dalla ministra Marta Cartabia è stato approvato da tutti i partiti, ma all’interno del Movimento 5 Stelle si sono levate molte voci contrarie, tra le quali quella dello stesso leader in pectore Conte. L’ex premier, dopo aver visto Draghi, ha comunque assicurato “il contributo costruttivo del M5s. Ma ho ribadito – ha aggiunto Conte – che saremo molto vigili nello scongiurare che non si creino sacche di impunità. Nell’iter parlamentare su questo saremo molto attenti”. Conte ha anche svelato che con il presidente del Consiglio “non abbiamo parlato della fiducia ma di eventuali interventi che possano migliorare il testo. Al governo stanno a cuore tempi molti rapidi nell’approvazione ma c’è una dialettica parlamentare che è anche giusto che si sviluppi”. Secondo il leader del Movimento, bisogna mettere da parte le “ideologie. Cosa vogliamo assicurare agli italiani? Un’amministrazione della giustizia con tempi chiari. Io mi rimetto a soluzioni che siano tecnicamente sostenibili, non ideologicamente convincenti perché su questa base ci potremo dividere”.

CARTABIA: “TESTO APPROVATO DALL’INTERO GOVERNO DOPO MESI DI TRATTATIVE”

Intanto, la Guardasigilli, intervenendo a un convegno sulla giustizia a Firenze dal titolo ‘Efficienza, celerità, qualità – Gli obiettivi della riforma dell’ufficio per il processo’, ha ribadito che “quella che attualmente è all’esame del Parlamento è una riforma approvata dall’intero governo dopo mesi di dialoghi, di confronti a 360 gradi e di lunghe e pazienti trattative e mediazioni a cui hanno partecipato e dato il loro contributo tutti i protagonisti politici della maggioranza che sappiamo avere opinioni diverse l’uno dall’altro”. E tutti, ha sottolineato ancora Cartabia, “lo hanno approvato nel Consiglio dei Ministri, fatti salvi i necessari aggiustamenti tecnici. Il testo approvato non coincide con la proposta originaria. Se proprio dobbiamo ricorrere a degli slogan, più che di ‘riforma Cartabia’ potremmo parlare di ‘mediazione Cartabia’ ed è frutto di una responsabilità condivisa. Ciascuno dei partiti della maggioranza ha dato il suo contributo. Ciascuno ha adeguato la sua posizione dove necessario. Tutti hanno contribuito e tutti hanno rinunciato a qualcosa, per portare a termine una riforma che è indispensabile – come abbiamo visto – anche per gli impegni assunti in Europa (fonte Dire).

Più informazioni su