Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Ddl Zan, Salvini e Renzi contro Letta: “Ideologico e peggio dei grillini, così lo affossa”

Dopo il rifiuto della mediazione, i leader di Lega e Italia Viva accusano il segretario del Pd di mettere a rischio la legge Zan

REGGIO EMILIA – Salvini e Renzi all’assalto del Pd. Continua il fuoco incrociato contro il segretario dem Enrico Letta, dopo la decisione di non accettare le modifiche al ddl Zan proposte da Italia Viva per venire incontro alle richieste formulate dalla Lega. Una posizione che “rischia di affossare la legge”, attacca il leader leghista Salvini mentre, gli fa eco Renzi, “il Pd fa ideologismo” e “ormai è diventato peggio dei grillini”.

RENZI: PD ORMAI PEGGIO DEI GRILLINI, SONO SESTA STELLA
“Voglio fare una legge che colpisca chi utilizza il movente dell’omotransfobia per andare a compiere atti di violenza verbale o fisica. Ma i nostri concittadini, fratelli e sorelle che vivono una situazione di difficoltà, paradossalmente rischiano di essere colpiti e affossati da chi? Da quel Pd che ormai è diventato peggio dei grillini. E a me purtroppo fa male al cuore, perché mi sembra la sesta stella di Grillo più che il vecchio Partito democratico riformista che avevamo imparato a conoscere”. L’affondo lo piazza Matteo Renzi, a Firenze per la presentazione del suo ultimo libro, ‘ControCorrente’.

“Abbiamo- spiega il leader di Italia viva- la Lega che fa ostruzionismo”, mentre “il Pd e i 5 Stelle fanno ideologismo. Noi e pochi altri siamo quelli che stanno cercando di dire ‘ragazzi la fate finita’. A Salvini e Letta dico basta con l’ostruzionismo e l’ideologismo. Mettiamoci intorno a un tavolo, modifichiamo gli articoli 1, 4 e 7 e si faccia una legge con l’accordo di un voto veloce alla Camera”.

SALVINI: LETTA IDEOLOGICO NON ASCOLTA NESSUNO, COSÌ AFFOSSA DDL ZAN
Sul ddl Zan Letta “rischia di affossare la legge se si ostina ad ascoltare niente e nessuno. La Lega ha proposto degli emendamenti, togliamo dal testo quello che divide: bambini, gender nelle scuole, censura, bavaglio, negazione della libertà di pensiero e parola. Così la legge viene approvata prima alla Camera e poi al Senato entro l’estate. Se Letta continua con le ideologie non fa il bene dei gay e delle lesbiche e la legge viene affossata”. Così Matteo Salvini uscendo da Palazzo Chigi al termine di un incontro col presidente del Consiglio Mario Draghi.

“Già oggi con la sospensiva in Aula- fa notare- c’e’ stato un voto di scarto, immaginatevi cosa succede al primo emendamento che sarà votato. C’e’ una mediazione che mette d’accordo il 99% del parlamento, approviamo questa legge e andiamo avanti”, conclude (Fonte Dire).