Quantcast

Croce Rossa, il gruppo Opsa di Reggio in azione a Casalmaggiore foto

Ha dato vita ad un’esercitazione lungo il fiume Po simulando situazioni d'emergenza

REGGIO EMILIA – Domenica 27 giugno Rino Berardi (presidente del comitato della Cri di Casalmaggiore) ha inaugurato la nuova sede sita in via della Repubblica alla presenza delle autorità tra cui: Francesco Rocca (presidente della Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa e presidente nazionale della Croce Rossa italiana), Claudio Malavasi (presidente dell’Ente strumentale alla Croce Rossa italiana), Emilia Bruna Scarcella (ispettrice nazionale della Croce Rossa che guida il corpo delle infermiere volontarie con il grado di generale di brigata), il viceprefetto vicario Roberta Verrusio e il sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni.

Il picchetto d’onore che ha accolto gli illustri ospiti era formato da volontari della Cri locale, da rappresentanti del mondo del volontariato e dei club di servizio, da associazioni d’arma e combattentistiche, dai gonfaloni dei comuni, dall’associazione nazionale Bersaglieri con il labaro e il trombettiere.

Rilevante la presenza di una compagine del gruppo Opsa (Operatori polivalenti salvataggio in acqua) di Reggio Emilia. Quest’ultimi, coadiuvati dal gruppo telecomunicazioni del comitato Cri di Scandiano, hanno dato vita ad un’esercitazione lungo la sponda del fiume Po, simulando situazioni emergenziali come una rianimazione cardiopolmonare (Rcp/Bls) su barca, il recupero di pericolante (soggetto a rischio di annegamento) e altre.

E’ un vero peccato che le risorse necessarie a queste figure altamente professionali per svolgere il loro fondamentale lavoro siano spesso lasciate ai margini. Gli Opsa insieme a Tlc (esperti in telecomunicazione), infermiere volontarie, unità cinofile della Cri ecc. formano quel mondo di professionalità diverse unite nella sinergia che ci garantisce protezione e soccorso.