Quantcast

Cra Poviglio, i sindacati: serve un infermiere per scongiurare la chiusura della struttura

Fp Cgil e Cisl ad Asp: "Vanno riorganizzate tutte le strutture"

POVIGLIO (Reggio Emilia) – I sindacati della Funzione pubblica di Cgil e Cisl di Reggio Emilia si mobilitano ancora per scongiurare la chiusura della Cra “Le Radici” di Poviglio, gestita dall’Asp “Progetto persona”, dove i 22 ospiti potrebbero essere trasferiti per la mancanza di personale infermieristico nel periodo estivo.

Dei due operatori necessari uno è già stato trovato e, per l’altro, i sindacati lanciano quindi un appello agli infermieri, anche in pensione, a mettersi a disposizione per garantire la copertura sanitaria nella struttura. “In questo modo – spiegano Fp-Cgil e Cisl Fp – si eviterebbe il trasferimento degli anziani, anche se momentaneamente, presso le altre strutture di Asp”, scongiurando “uno spostamento che rappresenterebbe un’ulteriore difficoltà da affrontare per persone fragili e già duramente provate emotivamente dalla normativa Covid che le ha tenute fisicamente lontane dai propri cari”.

Nell’incontro con la dirigenza di Asp fissato per venerdì, inoltre, le parti sociali chiederanno all’azienda di aprire aprire un tavolo di riorganizzazione di tutte le strutture attualmente gestite, con azioni da valutare con le categorie dei pensionati delle organizzazioni sindacali.

“Se quest’ulteriore tentativo di mantenere in attività la struttura non verrà accolto dalla dirigenza di Asp – concludono Cgil e Cisl – è nostra intenzione valutare l’attivazione del percorso di condotta antisindacale per le violazioni delle informazioni e del confronto previste dal contratto nazionale vigente”.