Quantcast

Clandestino fornisce false dichiarazioni sull’identità personale: arrestato

Il 40enne tunisino è stato incastrato dagli accertamenti dattiloscopici

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Fornisce false dichiarazioni sull’identità personale: 40enne tunisino arrestato dai carabinieri. L’ennesima dichiarazione di un’altra identità ha fatto scattare le manette ai polsi del clandestino che è stato incastrato dagli accertamenti dattiloscopici. L’immigrato era a bordo di un’auto condotta da un italiano quando è stato fermato in via Gramsci dai carabinieri della sezione radiomobile impegnati in un controllo della circolazione stradale.

Quando i militari gli hanno chiesto i documenti ha detto di non averli con sé e ha fornito a voce le sue generalità. Un nominativo, quello esibito  dal cittadino tunisino, che non era censito alla banca dati. Quindi è stato portato in caserma per ulteriori accertamenti insieme al conducente che è stato trovato in possesso di una dose di cocaina detenuta per uso personale non terapeutico.

L’italiano è stato segnalato alla prefettura di Reggio Emilia come assuntore di sostanze stupefacenti e gli è stato sequestrato il mezzo grammo di droga, mentre lo straniero è stato sottoposto ad accertamenti dattiloscopici per verificarne l’esatta identità. E’ venuto fuori che è un 40enne tunisino che aveva fornito un’altra identità probabilmente per evitare provvedimenti amministrativi correlati all’espulsione, dato che su di lui gravava un decreto di espulsione della Prefettura di Reggio Emilia emesso il primo luglio scorso.

Grazie agli accertamenti dattiloscopici si è appurato che il 40enne non era nuovo a fornire false generalità come rilevato dai suoi precedenti di polizia specifici e dal fatto che era censito con vari alias, alcuni dei quali con precedenti di polizia per reati correlati allo spaccio di sostanze stupefacenti. A questo punto il 40enne è stato arrestato con l’accusa di false dichiarazioni sulla propria identità personale.

Più informazioni su