Quantcast

Vaccino, a Reggio Emilia non lo hanno fatto 1.200 operatori sanitari

L'Ausl li ha sollecitati con una pec invitandoli a prenotarsi

REGGIO EMILIA – I numeri sono “fluidi” ma, allo stato attuale, sono circa 1.200 gli operatori sanitari di Reggio Emilia che non si sono ancora prenotati per il vaccino anticovid. Tante infatti le e-mail di posta certificata inviate dall’azienda sanitaria, che assegna ai professionisti un certo lasso di tempo per ottemperare alla legge sul vaccino obbligatorio per chi lavora nel campo della salute.

Poi, spiega il direttore generale Cristina Marchesi, “se ci sono reali motivi per essere esentati, principalmente di salute, si valuta se i lavoratori possono essere ricollocati in ambiente non a rischio. E se non c’è reale necessità, sono sospesi senza stipendio almeno fino a fine anno”. In questo mese, aggiunge Marchesi, “abbiamo comunque avuto molte adesioni da parte di chi, nei mesi scorsi, ci aveva pensato”. Ad esempio è vaccinato il 94% degli operatori delle case per anziani, “una categoria molto renitente”.