Quantcast

Sciopero dei dipendenti, Rossetto li sgrida: insorgono i sindacati

Cgil e Uil fanno sapere che le iniziative di mobilitazione proseguiranno fino a quando le richieste delle lavoratrici e dei lavoratori verranno esaudite

CASALGRANDE (Reggio Emilia) – “La direzione del supermercato Rossetto di Casalgrande, in seguito allo sciopero spontaneo dei dipendenti di sabato scorso ha fatto sapere, in una nota affissa nei locali del punto vendita, che disapprova il comportamento di chi sciopera esercitando un suo diritto costituzionale”.

Lo scrivono Filcams Cgil e Uiltucs Uil che fanno notare che l’azienda, in una lettera aperta affissa in bacheca, sostiene inoltre che “siccome i dipendenti erano a conoscenza delle condizioni di lavoro al momento dell’assunzione non sarebbero legittimati a chiedere migliori condizioni, ma anzi, facendolo andrebbero a ledere il lavoro di altri colleghi che magari, perché assunti a termine o più ricattabili, non possono aderire agli scioperi pur volendo”.

Continuano i sindacati: “Ci permettiamo di suggerire alla famiglia Rossetto che non basta riempirsi la bocca del “rispetto” per i collaboratori. Il rispetto va prima di tutto agito, anche ascoltando le legittime richieste di chi davvero rappresenta l’azienda con la clientela, mettendoci la faccia, sorridendo a tutti anche dopo tredici ore fuori casa senza poter accudire i propri figli. Lavorando domeniche e festivi e mandando avanti i supermercati”.

Le iniziative di mobilitazione, fanno sapere Filcams e Uiltucs, proseguiranno fino a quando le richieste delle lavoratrici e dei lavoratori verranno esaudite.

Rossetto