Quantcast

Trasporto pubblico locale, sciopero il 1° giugno

Davanti al deposito di Seta in via Del Chionso, domani, si terrà un’assemblea unitaria e un presidio dalle 9,30 alle 12,30

REGGIO EMILIA – Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale, domani, con un presidio davanti al deposito di Seta.

Continua la mobilitazione dei lavoratori del Trasporto pubblico locale. A tre anni dalla scadenza del contratto collettivo nazionale di lavoro, e dopo gli scioperi dell’8 febbraio e del 26 marzo scorsi, le associazioni datoriali, pur avendo ricevuto importanti risorse governative per affrontare e sostenere gli effetti della pandemia, persistono nel non voler arrivare al rinnovo del Ccnl e al conseguente miglioramento delle condizioni lavorative, normative e salariali.

“Siamo stati definiti anche noi tra gli eroi della pandemia – sottolineano Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl trasporti – in realtà non lo siamo mai stati; abbiamo continuato a lavorare facendo nel nostro piccolo sentire le persone meno sole, garantendo loro la continuità negli spostamenti. Non vogliamo un trattamento da eroi, pretendiamo dignità per il personale viaggiante e sicurezza per le persone che trasportiamo”

Lo sciopero anche a Reggio Emilia sarà l’occasione per rimettere al centro la vertenza nazionale. Davanti il deposito di Seta in via Del Chionso, martedì primo giugno, si terrà un’assemblea unitaria e un presidio dalle 9,30 alle 12,30 di tutte le lavoratrici e i lavoratori del settore per fare il punto sull’avanzamento della trattativa nazionale e di secondo livello. “La fase che ci attende – concludono i sindacati – richiede l’impegno e il contributo di ognuno di noi”.