Quantcast

Ex Reggiane, previste pulizia e sicurezza

Il sindaco Vecchi firma due ordinanze contro il degrado e gli abusivi

REGGIO EMILIA – Nell’ambito del progetto dei “corridoi umanitari locali” per le persone che vivono nei capannoni dismessi delle ex Reggiane (cosiddetto “Reggiane off”) il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi ha firmato oggi due nuove ordinanze. La prima impone di provvedere “con la massima urgenza” alla rimozione dei rifiuti abbandonati nelle aree comprese tra via Vasco Agosti, viale del Partigiano, via dell’Aeronautica e il sedime della linea ferroviaria Milano-Bologna in cui la zona dismessa e’ inserita.

Il provvedimento indica inoltre di provvedere allo smaltimento e recupero degli stessi materiali – fra cui rifiuti solidi urbani, rottami e altri inerti, scarti di lavori edili, vetri rotti, pneumatici, elettrodomestici, plastica – secondo le norme in vigore e di ripristinare lo stato antecedente dei luoghi. In piu’, di porre in essere le misure necessarie per impedire l’introduzione e l’ulteriore abbandono incontrollato dei rifiuti, per evitare ripercussioni negative sul piano igienico-sanitario e ambientale.

Con la seconda ordinanza, si dispone di prendere le opportune misure volte a impedire l’accessibilita’ nell’area ex Reggiane, “sia a piedi che con mezzi”, provvedendo a inibire la possibilita’ di una nuova occupazione abusiva dei capannoni abbandonati, ad esempio con tamponature e recinzioni posti ai varchi di accesso. Inoltre a vigilare affinche’ le opere di messa in sicurezza non vengano rimosse.

Come previsto dall’intesa del dicembre del 2020 tra Comune, Ausl, Diocesi e Regione gli interventi sono a carico del proprietario dell’area, l’imprenditore Luciano Fantuzzi. Se questi non dovesse ottemperare alle prescrizioni delle ordinanze sara’ il Comune a provvedere, rivalendosi poi sul privato delle spese sostenute.