Quantcast

Ddl Zan, nel mirino di Fedez pure il leghista Alessandro Rinaldi

L'esponente del Carroccio disse, durante una seduta on line del Consiglio del 7 aprile scorso: "I gay vogliono uguaglianza? Che inizino a comportarsi come tutte le persone normali"

REGGIO EMILIA – C’è anche un consigliere comunale leghista reggiano fra i politici del Carroccio citati da Fedez nel suo intervento di ieri sera al concertone del Primo Maggio a Roma. Il rapper, in un duro attacco al senatore leghista Andrea Ostellari che in Commissione giustizia in Senato sta bloccando il Ddl Zan già approvato alla Camera, ha citato una serie di frasi pronunciate da esponenti leghisti italiani sull’argomento.

Ha detto ironicamente: “Ostellari  fa parte di uno schieramento politico che, negli anni, si è distinto per la sua lotta all’uguaglianza. Vorrei decantarvi un po’ di loro aforismi, se posso”. Fra i tanti citati, quello del consigliere comunale reggiano Alessandro Rinaldi che disse, durante una seduta on line del Consiglio del 7 aprile scorso: “I gay vogliono uguaglianza? Che inizino a comportarsi come tutte le persone normali”.

Alessandro Rinaldi
Alessandro Rinaldi

Un moderato Rinaldi, rispetto a quanto detto da altri esponenti leghisti in giro per l’Italia. Le altre citazioni di Fedez sono le seguenti. “Se avessi un figlio gay, lo brucerei nel forno”, Giovanni De Paoli consigliere regionale Lega Liguria. “Gay vittime di aberrazioni della natura”, Luca Lepore e Massimiliano Bastoni consiglieri comunali leghisti. “I gay sono una sciagura per la riproduzione e la conservazione della specie”, Alberto Zelger consigliere comunale della Lega Nord a Verona. “Il matrimonio gay porta all’estinzione della razza”, Stella Khorosheva candidata leghista. “Fanno iniezioni ai bambini per farli diventare gay”, candidata della Lega Giuliana Livigni.

Il consigliere leghista reggiano stava commentando una mozione presentata da Fabiana Montanari (Pd) e Dario De Lucia (Gruppo Misto) per favorire e agevolare il “turismo Lgbt”. Il consigliere Dario De Lucia ha replicato a Rinaldi: “Una volta c’erano le scuole di partito, vi prego ridatecele. Se lei dice che gli etero sono “normali”, allora vuol dire che gli omosessuali non lo sono. Qui si parla di turismo: c’è quello storico, quello religioso, per le famiglie e per i giovani. Le persone omosessuali tendenzialmente spendono di più in vacanza, sa perché? Perché non possono avere figli visto che persone come lei non glielo permettono”.

Il leghista aveva provato a giustificarsi dicendo: “Non voglio che le mie dichiarazioni vengano alterate. Non ho mai detto che gli omosessuali sono anormali, ho detto che se vogliono essere tutelati adeguatamente, devono porsi sullo stesso piano degli etero”.