Quantcast

Primo Maggio, rider in piazza per i diritti di tutti

Alle 15 una manifestazione collettiva per tutelare gli invisibili

REGGIO EMILIA – “Non per noi ma per tutte e tutti”. E’ lo slogan con cui i riders della “Union” di Reggio Emilia, nata nelle scorse settimane, annuncia una “manifestazione collettiva per i diritti degli invisibili” in occasione del Primo maggio, prevista alle 15 in piazza Prampolini. “Saremo in piazza per reclamare diritti e condizioni dignitose non solo per i riders, ma per tutte e tutti coloro sono stati lasciati indietro e troppo spesso dimenticati durante questo anno di crisi”, fanno sapere gli organizzatori.

“In solidarieta’ comune – proseguono – vogliamo superare i confini invisibili che ci separano: riders al fianco dei ristoratori, lavoratrici e lavoratori della sanita’ insieme a facchini della logistica, migranti al fianco di studentesse, studenti, educatori, educatrici e insegnanti”. Ma anche “chi in quest’anno di pandemia si e’ organizzato per sostenere persone e famiglie in difficolta’ per evitare che i costi della crisi vengano scaricati verso il basso”. Come riders, viene spiegato, “ribadiremo le nostre richieste al Comune di Reggio Emilia per migliorare la nostre condizioni di sicurezza e dignita’ lavorative in citta’, riguardo le quali a oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta”.