Quantcast

Violenze e minacce alla moglie: denuncia e divieto di avvicinamento

Maltrattamenti in famiglia aggravati dall’essere commessi davanti ai figli minori l’accusa contestata dai carabinieri a un 42enne di Cadelbosco Sopra

CADELBOSCO SOPRA (Reggio Emilia) – “Ti brucio con l’acido”, “sei una spazzatura”, “faccio esplodere questa casa di merda”, “ti mando in mezzo alla strada” “devi finire sotto un ponte”. Queste sono solo alcune delle numerose e gravi minacce che un 42enne riservava quotidianamente alla moglie 40enne che maltrattava anche con violenze fisiche compiute davanti ai figli minori.

Comportamenti che si sono acuiti alla fine dello scorso mese di luglio quando la donna aveva denunciato il marito per i maltrattamenti subiti. Maltrattamenti fisici e psicologici quelli computi dall’uomo nei confronti della moglie in seguito ai quali, al termine delle indagini, i carabinieri di Cadelbosco Sopra, a cui la donna si è rivolta, hanno denunciato un 42enne abitante nella bassa reggiana per maltrattamenti in famiglia aggravati.

Il sostituto titolare dell’inchiesta, condividendo con le risultanze investigative dei carabinieri ha richiesto e ottenuto dal Gip l’applicazione, nei confronti dell’uomo, della misura coercitiva del divieto di avvicinamento alla vittima, prescrivendogli di non avvicinarsi a più di 1500 metri dall’abitazione e dal luogo di lavoro della donna. Provvedimento che ieri mattina è stato eseguito dai carabinieri della stazione di Boretto che hanno condotto le indagini.