Quantcast

Vende vasca idromassaggio e viene truffato

I carabinieri risalgono a un 46enne milanese che si era detto interessato all'acquisto e al suo complice, un ferrarese 50enne, denunciati per truffa in concorso

REGGIO EMILIA – Ha pubblicato un’inserzione sul web per vendere una vasca idromassaggio a 400 euro, ma, anziché ricevere i soldi, si è ritrovato il conto svuotato di ben 1.500 euro. È stato contattato da un sedicente acquirente che, oltre a mostrarsi molto interessato all’acquisto, si è detto disponibile per effettuare immediatamente il pagamento.

L’unica richiesta avanzata dall’acquirente è stata relativa al metodo di pagamento concordato con la modalità della ricarica del conto attraverso l’utilizzo di una postazione Atm. L’operazione era infatti possibile solo attraverso l’inserimento di un codice fornito dall’acquirente. In contatto telefonico con l’acquirente la vittima, un 40enne residente a Reggio Emilia, recatosi a eseguire l’operazione, su indicazione dell’interlocutore ha effettuato l’operazione, ma, anziché ritrovarsi accreditati i soldi pattuiti, si è visto il conto alleggerito di 1.500 euro.

Ottenuta la ricarica a suo favore l’interlocutore ha interrotto la telefonata rendendosi irreperibile. Materializzato di essere rimasta vittima di un raggiro la vittima si rivolgeva ai carabinieri di Santa Croce sporendo denuncia per truffa. I militari, al termine delle indagini, sono risaliti a un 46enne milanese, con specifici precedenti di polizia, che è stato denunciato per truffa. I carabinieri hanno accertato che l’indagato ha agito con la compiacenza di un 50enne residente a Ferrara che si era intestato fittiziamente la carta prepagata che il truffatore aveva fraudolentemente ricaricato. I due sono stati quindi denunciato per concorso in truffa.