Quantcast

Giustizia, parte una petizione a sostegno di Mescolini

I firmatari: "Se va via lui le mafie sono pronte a ritornare"

REGGIO EMILIA – Solidarieta’ all’ex procuratore capo Marco Mescolini e preoccupazione che il suo trasferimento dall’Emilia-Romagna deciso dal Csm apra una nuova stagione di infiltrazioni mafiose, aggirando gli “anticorpi” sviluppati fino ad oggi grazie al suo contributo. E’ quanto esprime una petizione lanciata a Reggio Emilia e gia’ sottoscritta da 45 cittadini: esponenti della Cgil, della sinistra, giornalisti, ex componenti del Pd e rappresentanti di associazioni per la legalita’.

Secondo i quali “si apre uno scenario nuovo e preoccupante per la provincia di Reggio Emilia” perche’ “verranno meno le competenze, le relazioni, le capacita’ di coordinamento investigativo, che Mescolini, allora sostituto procuratore, ha messo a disposizione per dieci anni della Dda bolognese con la sua attivita’ inquirente e requirente”. Oltre al maxiprocesso contro la ‘ndrangheta Aemilia di cui l’ex procuratore ha condotto l’accusa come pubblico ministero, viene infatti sottolineato, “in questi due ultimi anni sono giunte a conclusione indagini e sono iniziati processi (da Billions a Grimilde, da Octopus a Kanonieri K’urdi)”.

E ora “preservare questo patrimonio, a partire dalla cultura della legalita’ che l’esperienza di Aemilia ha aiutato a diffondere tra i cittadini e’ decisivo e temiamo le possibili conseguenze che l’allontanamento comporta”. In particolare, “il pericolo di un rafforzamento della criminalita’ organizzata proprio ora con imprese e lavoratori piu’ deboli per le difficolta’ economiche che la pandemia sta determinando”.

Le accuse di “connivenza” con il Pd mosse a Mescolini vengono poi definite “il risultato finale di una campagna di inaccettabili semplificazioni e strumentalizzazioni, che si e’ intensificata poco meno di un anno fa prendendo a pretesto le intercettazioni dell’ex magistrato Luca Palamara (attualmente sotto indagine per corruzione) ma che gia’ era emersa fin dalle battute iniziali del processo”.

Una campagna, si aggiunge, “ben orchestrata da esponenti politici di destra, compreso un imputato del processo Aemilia (il riferimento non esplicito e’ a Giovanni Paolo Bernini di Forza Italia, ndr) che sono giunti ad accusare il Procuratore sulla base di un singolare principio di ‘par condicio’ applicato al Codice penale”. E cioe’: “Sono stati indagati solo esponenti di destra e non anche di sinistra, sebbene ce ne fossero i presupposti”.

Una tesi respinta al mittente nella petizione in quanto “priva di riscontri e di attendibilita’”. La raccolta firme, che si puo’ sottoscrivere inviando una mail all’indirizzo perfuturoreggioemilia@gmail.com, si conclude con l’appello ai reggiani ad aderire al di la’ “delle appartenenze politiche o culturali”, ma in nome del “comune sentire per la tutela del nostro futuro”.

Primi firmatari:
Roberto Ballabeni, Ernestina Bazzi, Mirto Bassoli, Umberto Bedogni, Antonio Bernardi, Gianni Bernini, Nicola Bolzoni, Paolo Bonacini, Roberta Bonilauri, Betti Borciani, Loris Cavalletti, Luca Chierici, Luca Chiesi, Mauro Confetti, Marzia Dall’Aglio, Claudio Ferrari, Franco Ferretti, Tiziana Fontanesi, Silvano Franchi, Lucio Gambarini, Guida Giarelli, Simonetta Giglioli, Maura Giuffredi, Ivano Gualerzi, Romeo Guarnieri, Dumas Iori, Manuel Masini, Marco Massari, Sandro Morandi, Pierino Nasuti, Franco Pedroni, Francesca Perlini, Mauro Ponzi, Fiorella Prodi, Gian Franco Riccò, Vera Romiti, Arno Sassi, Giuliano Sassi, Massimo Silingardi, Marika Todaro, Anna Valcavi, Letizia Valli, Simone Vecchi, Mauro Vicini, Lauro Vignali

Firmatari:
Giovanni Arquilla, Mario Arquilla, Monica Bacchi, Lorenzo Barilli, Francesca Bedogni, Laura Bellezza, Pier Paolo Bellini, Pietro Benini, Giacomo Bertani, Lorenzo Biondi, Lucio Biscaglia, Maria Bisulli, Daniele Borghi, Lucio Braglia, Fausto Branchetti, Martina Bua, Silla Bucci, Sonia Buffagni, Antonella Buffagni, Mauro Canovi, Luisa Casagrande, Luciana Caselli, Romeo Catellani, Alessandro Celli, Paola Crescimbeni, Mario Dallasta, Francesco Dimaggio, Alessio Dimaggio, Filippo Fracassi, Gabriel Gaiba, Simone Galvani, Stefania Gargano, Massimo Gazza, Cecilia Gorini, Tommaso Gorini, Sergio Guaitolini, Anita Guidazzi, Monica Guidetti, Federico Lacche, Francesca Lumini, Arianna Magnani, Marina Mainini, Monica Malossi, Aldo Marconi, Giovanni Mattia, Andrea Mazzoli, Elvira Meglioli, Luca Melfi, Francesco Mescolini, Giulia Mescolini, Maurizio Miati, Cesare Minghini, Sebastiano Monorchio, Mauro Montagnani, Paolo Montalti, Gianni Monte, Giuliana Motti, Silvia Noè, Vanni Orlandini, Alessia Patriarchi, Sandro Pecorella, Luigi Pecorella, Agnese Pecorella, Chiara Piacentini, Silvia Piccinini, Mariagrazia Pioli, Corrado Pizzetti, Giuliano Quaiotti, Letizia Ragnetti, Flavia Rapaggi, Domenico Reverberi, Raffaella Ricci, Valerio Rinaldini, Massimo Rinaldin, Germana Rivi, Silvia Roda, Massimo Romei, Annarosa Rossi, Riccardo Rossini, Andrea Saracco, Potito Scalzulli, Cristina Solustri, Ivan Soncini, Luigi Tabanelli, Daniele Tissone, Giampaolo Ugolini, Riccardo Valeriani, Alessandra Vanelli, Natale Vitali, Alfreda Zanforlin