Quantcast

Fermato ubriaco alla guida, ora rischia l’arresto

Nello scorso fine settimana, contestate anche 11 violazioni per inosservanza del divieto di mobilità

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Durante lo scorso fine settimana, nell’ambito dei controlli sul rispetto delle disposizioni antiCovid, la Polizia Locale della Bassa Reggiana ha contestato 11 violazioni, per lo più per accertata inosservanza del divieto di mobilità. In particolare domenica gli agenti hanno anche denunciato un 47enne italiano, residente nella Bassa, che si è messo alla guida in stato di ebrezza alcolica.

L’uomo è stato fermato, verso sera, dalla pattuglia della Polizia Locale sulla SP 42 perché procedeva ad elevata velocità. Gli operatori si sono subito resi conto del suo stato di alterazione e, con le dovute garanzie di protezione, hanno chiesto al soggetto di sottoporsi alle verifiche strumentali con l’etilometro.

Di fronte al rifiuto dell’uomo di sottoporsi all’esame, agli agenti non è rimasto che procedere nei suoi confronti con una denuncia, ai sensi di quanto stabilito dall’art. 186 del Codice della Strada. La normativa prevede, infatti, per chi si rifiuta di sottoporsi al test dell’alcol, le stesse sanzioni previste per la guida in stato di ebbrezza per lo scaglione massimo, ovvero quello oltre 1,5 g/l.

Il trasgressore quindi rischia: l’arresto da sei mesi a un anno, l’ammenda fino ad un massimo di 6.000 euro e, trattandosi di persona recidiva, la revoca definitiva della patente di guida. Il veicolo, a lui intestato, è stato sottoposto a sequestro e sarà oggetto di confisca da parte della Prefettura di Reggio Emilia.

Più informazioni su