Quantcast

Covid, intensificati i controlli per il rispetto delle norme

Il prefetto Rolli: "Stanchezza comprensibile, ma niente imprudenze". La Provincia ha chiuso i parchi di Roncolo e Quattro Castella

REGGIO EMILIA – Alla vigilia del primo weekend in zona arancione scuro, i controlli per il rispetto delle disposizioni anti-Covid sono stati intensificati in provincia di Reggio Emilia. E’ emerso dalla riunione di ieri mattina del Comitato per l’ordine e la sicurezza, presieduto dal Prefetto Iolanda Rolli. “Da un anno a questa parte – sottolinea il Prefetto – l’impegno delle forze di Polizia e’ stato e continua ad essere massimo”, come dimostrano i dati illustrati poco dopo.

Dall’inizio dell’anno in provincia sono state controllate 26.915 persone, 466 delle quali sanzionate (per assembramento, mancato utilizzo delle macherine o per spostamento senza giustificato motivo). Inoltre sono state denunciate all’autorita’ giudiziaria due persone. Nei confronti delle attivita’ o esercizi commerciali, infine, sono stati effettuati 4118 controlli, con 41 sanzioni e 32 chiusure amministrative. Verifiche, sottolinea Rolli, “che sono una forma necessaria di tutela delle persone, e cosi’ sono stati percepiti dalla comunita’ reggiana. Si sono svolti con la consapevolezza che sono a difesa di tutti e in quel tutti, c’e’ ognuno di noi”.

Ora pero’ “a fare la differenza sara’ il senso di responsabilita’ dei singoli, con l’obiettivo comune che lega cittadini e istituzioni: contrastare l’aumento dei contagi e uscire quanto prima da una situazione che ci coinvolge in prima persona, tornando alla tanta desiderata normalita’”.

Il “momento di difficolta’- ribadisce il prefetto- richiede la massima consapevolezza di comportamenti. Abbiamo visto vie affollate con gente che tiene la mascherina abbassata e persone che parlano a distanza ravvicinata. Con gli atteggiamenti irresponsabili di questi giorni siamo gia’ passati in una fascia di massima gravita’ e ora rischiamo la zona rossa”.

Insomma, “la stanchezza e’ comprensibile ma non giustifica comportamenti superficiali e imprudenti”. Intanto la situazione sanitaria confermata come critica anche dall’Ausl, ha portato la Provincia di Reggio Emilia, di intesa con i Comuni, a chiudere da oggi al pubblico dei due parchi di sua proprieta’: quello di Roncolo a Quattro Castella.

Il coordinamento dei sindaci reggiani, guidato dal presidente della Provincia Giorgio Zanni, rivolge inoltre un appello “al senso di responsabilita’ di tutta la comunita’ reggiana per evitare situazioni potenzialmente rischiose dal punto di vista sanitario”. Controlli su situazioni irregolari nei prossimi due giorni saranno svolti da Provincia e Comuni anche attraverso il volontariato.