Quantcast

Anziani, trasformano case famiglia in Rsa: denunciate

Lo hanno scoperto i Nas di Parma nel comprensorio ceramico reggiano

REGGIO EMILIA – Avevano aperto due case famiglia e poi, senza avere la prevista autorizzazione speciale per l’esercizio dell’attivita’ sanitaria specialistica, le hanno trasformate in residenze sanitarie assistenziali per anziani. E’ successo nel comprensorio delle ceramiche dove la rappresentante legale (una 60enne reggiana) e la coordinatrice delle strutture (una 29enne modenese) sono state denunciate alla Procura di Reggio dai Carabinieri del Nas di Parma.

Gli uomini del nucleo antisofisticazione e sanita’, che avevano avviato in precedenza delle ispezioni sul rispetto delle norme igienico sanitarie, hanno poi infatti appurato che le attivita’, pur offrendo servizi remunerativi a pensione anziane, si avvalevano delle agevolazioni amministrative previste per le “case famiglia”, che nulla a che fare con le Rsa. Le strutture erano riconducibili ad una societa’ con sede nella provincia di Modena.