Eurotre, accordo sindacale per smaltire ordini Covid

A Castelnovo Sotto, per produrre bombole a ossigeno, più assunti e turni ridotti

CASTELNOVO SOTTO (Reggio Emilia) – Nuove assunzioni e orario ridotto con turni di sette ore (retribuiti per otto). E’ la ricetta anti-Covid per salvaguardare l’attivita’ produttiva adottata alla Eurotre Srl di Castelnovo Sotto, azienda reggiana che nel ramo medicale produce bombole ad ossigeno per il primo soccorso. L’azienda, che nel 2020 aveva circa 40 dipendenti, ha inizialmente affrontato il picco produttivo generato dall’emergenza sanitaria con la richiesta di lavoro straordinario.

Ma poi, avendo velocemente raddoppiato gli ordini, e’ passata al lavoro a turni, aumentando gli addetti di produzione. Con la mediazione dalla Fiom-Cgil, in particolare, sono stati stabilizzati a tempo indeterminato una buona fetta dei lavoratori precari – sono 65 i lavoratori oggi assunti con contratto fisso – e ingaggiati alcuni con contratti in somministrazione a termine.

Anche i turni, inizialmente attivati per ridurre il personale in azienda e garantire cosi’ il distanziamento, sono diventati via via un’esigenza produttiva che oggi permettera’ ad Eurotre di soddisfare le richieste dei clienti e di aiutare le strutture sanitarie stressate dall’aumento di ricoveri e pazienti in terapia intensiva.

Nello specifico la nuova turnistica presente in Eurotre prevede una riduzione di orario che portera’ a turni di sette ore, ma la retribuzione sara’ di otto. La Fiom si ritiene soddisfatta dell’accordo raggiunto “che vede un equilibrio tra la tutela della salute e dei diritti dei lavoratori e le necessita’ produttive dell’azienda conseguenti alla diffusione del virus”