Quantcast

Campegine, uomo morto in un canale: si pensa a un pirata della strada

Trovati, nei pressi, i frammenti di una Fiat Bravo, prodotta tra il 2007 ed il 2014, di colore grigio chiaro

CAMPEGINE (Reggio Emilia) – Proseguono senza sosta le indagini dei carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto, che sotto il coordinamento del sostituto procuratore Maria Rita Pantani, stanno investigando per ricostruire quanto accaduato la sera del 13 febbraio scorso quando, alle 21, gli uomini dell’Arma sono intervenuti in via Marconi a Caprara dove, poco prima, un cittadino aveva segnalato la presenza di un uomo riverso, con la testa in giù, nel canale vicino alla strada.

Una volta accertato il decesso dell’uomo, Abbas Uddin, un cittadino del Bangladesh di 45 anni, i militari hanno avviato le indagini ipotizzando che si potesse ricondurre a un sinistro stradale, visto che la bici su cui la vittima stava viaggiando presentava evidenti ammaccature nella parte posteriore. Durante i sopralluoghi dei giorni seguenti, i militari hanno trovato, proprio nei pressi del luogo dove c’era il cadavere, anche alcuni frammenti di un’auto che, sottoposti ad accertamenti tecnico scientifici, sono risultati essere di una Fiat Bravo, prodotta tra il 2007 ed il 2014, di colore grigio chiaro.

Ed è proprio sulla ricerca di questo genere di veicolo che ora si sta stringendo il cerchio. Attualmente, infatti, oltre alla visione delle varie immagini acquisite degli apparati di video sorveglianza presenti nella zona, sono in corso accertamenti in diverse autofficine e autodemolitori che potrebbero, in qualsiasi modo, aver ricevuto l’auto. Ai titolari viene rivolto l’invito si segnalare subito agli organi di polizia ogni caso sospetto, anche al fine di evitare possibili ripercussioni di carattere penale conseguenti alla tutela, sebbene indiretta, del presunto pirata della strada dovute dalla mancata comunicazione di informazioni utili per le investigazioni.

Analogo appello è rivolto anche al conducente dell’auto, atteso che la decisione di costituirsi, ammettendo le proprie responsabilità, potrebbe certamente alleviarne la posizione giudiziaria. Ogni utile segnalazione, proveniente anche da persone estranee ai fatti, può essere rivolta ai carabinieri della Stazione di Castelnovo Sotto, al numero di pronto intervento “112” o a qualsiasi altro organo di polizia.