San Polo, deteneva illegalmente armi: arrestato

Sequestrati a un agricoltore 41enne reggiano dei fucili, una pistola e delle munizioni

Più informazioni su

SAN POLO (Reggio Emilia) – Solo qualche giorno fa era stato arrestato dai carabinieri di San Polo per furto di energia elettrica sottratta dalla rete pubblica attraverso un allaccio abusivo. Ora per il 41enne agricoltore reggiano, residente a San Polo, sono nuovamente scattate le manette ai polsi, ma questa volta con l’accusa di detenzione illegale di armi e munizioni.

All’uomo, che peraltro dal 2009 era colpito da un provvedimento di divieto di detenzione di armi e munizioni emesso dalla prefettura, i militari hanno sequestrato 4 fucili calibro 12 già detenute dal defunto zio, morto nel 2015, un fucile calibro 12, non censito in banca dati, una pistola scacciacani, 4 cartucce calibro 12 e 4 cartucce calibro 3006 con relativo caricatore.

Sono stati gli approfondimenti informativi sull’uomo a condurre ieri mattina i carabinieri della stazione di San Polo nell’abitazione del 41enne per dare corso a una perquisizione domiciliare finalizzata alla ricerca di armi. I militari infatti hanno vagliato una segnalazione secondo la quale l’uomo, lo scorso 1° gennaio, aveva dato il “benvenuto” al 2021 esplodendo in aria alcuni colpi di arma da fuoco.

Una segnalazione che ha allarmato i carabinieri anche in considerazione che l’uomo non poteva certamente detenere legalmente armi in virtu’ di un provvedimento emesso a suo carico nel 2009 dalla Prefettura reggiana.

Più informazioni su