Imprese, il 2020 si chiude con la produzione in calo del 9,1%

Per quanto riguarda il mercato del lavoro, il numero di occupati nell'anno passato e' diminuito dell'1,3%

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Le prospettive dell’economia reggiana continuano ad essere dominate dall’incertezza e dalle difficolta’ legate alla pandemia. Il 2020 – secondo un’analisi della Camera di commercio – si e’ infatti chiuso con una leggera attenuazione della curva negativa ipotizzata nello scorso mese di ottobre, ma contemporaneamente si e’ ridotta l’entita’ del “rimbalzo” stimato per il 2021.

In dettaglio la flessione del valore aggiunto 2020 dovrebbe fermarsi al 9,1%, in linea con il dato regionale (meno 9,2%), mentre le elaborazioni di ottobre ritenevano che il calo per la provincia di Reggio Emilia si sarebbe attestato al 10,3%. Tuttavia, la ripresa delle misure di contenimento che ha segnato gli ultimi mesi del 2020 si riflette sulle previsioni dell’anno in corso, con stime di crescita che si abbassano dal 7,7% al 5,9%.

Per quanto riguarda il mercato del lavoro, il numero di occupati nell’anno passato e’ diminuito dell’1,3%. Anche in questo caso il dato risulta lievemente piu’ contenuto se confrontato con il meno 1,6% delle previsioni di ottobre. Grazie al Superbonus del 110% previsto dal Decreto Rilancio, infine, il valore aggiunto del comparto edile registra un incremento dello 0,4%, quando invece era previsto in calo dell’8,3% negli scenari di ottobre.

Più informazioni su