Francesca Perlini lascia il Pd: “Il punto di rottura è stato l’attacco a De Lucia”

Il segretario del Circolo Darwin: "La federazione provinciale avrebbe dovuto contattarmi prima di uscire pubblicamente con un comunicato stampa"

REGGIO EMILIA – Francesca Perlini, 41 anni, segretaria del circolo Pd Darwin e consigliere di Mondinsieme, lascia il Partito Democratico. Scrive: “Nell’ultimo anno si è sedimentata in me la volontà, o per meglio dire, la mancanza di motivazione per continuare. Non nascondo che il punto di rottura (la mia rottura) sia arrivato con l’attacco al Consigliere Dario De Lucia. Compagno, amico e tra i consiglieri comunali che più hanno contribuito al risultato delle ultime amministrative”.

Aggiunge la Perlini: “In quanto segretaria del Circolo in cui il consigliere De Lucia si impegna da anni, la federazione provinciale avrebbe dovuto contattarmi prima di uscire pubblicamente con un comunicato stampa. Preso atto che la cinghia di trasmissione non esiste più, ne ho tratte le dovute conseguenze. Umanamente è una decisione che prendo col cuore pesante. Per anagrafe, esperienza sul campo e indole personale so bene che in politica si può essere in disaccordo. Anzi è sano esserlo di quando in quando”.

La Perlini fa notare che “travalicare il politico e scendere sul piano personale con livore e voglia di togliersi finalmente i ‘sassolini dalle scarpe’ sembra essere diventata la cifra espressiva di questo partito e rimanerne tra le fila significherebbe avallarla. Auguro tutto il meglio alla comunità che lascio, ma per me è arrivato il momento di rassegnare le dimissioni da ogni carica istituzionale”.

E conclude: “Nei giorni in cui piangiamo la scomparsa di Emanuele Macaluso sento forte l’insegnamento che ci ha lasciato e so che ancora oggi essere di sinistra ha senso e ne vale la pena perché migliora la vita di tante persone. La politica e l’attivismo continueranno ad essere forti in me e animeranno sempre le mie giornate in favore delle persone della mia comunità”.